Telecom perde terreno

Piazza Affari non ha potuto sottrarsi al clima riflessivo che da qualche giorno sta caratterizzando l’andamento delle Borse mondiali. Con la conseguenza che, anche ieri, il calo degli indici è risultato intorno allo 0,6-0,7% per Mibtel e S&P/Mib, per salire intorno all’1% per All Stars e Tech Star. Le limature di questi ultimi giorni hanno fatto scendere il progresso annuale sotto il 10%. Gli scambi sono scesi a 3,8 miliardi di controvalore. Giornata di assestamento per i titoli protagonisti nei giorni scorsi: cedono gli energetici, per lo sgonfiamento dei prezzi del greggio, con Saipem che arretra di oltre il 2%; giù anche Rcs dell’1,4% nonostante i rumors di un interessamento da parte di un gruppo tedesco. L’aggiudicazione dell’appalto del ponte sullo Stretto di Messina ha avuto scarso impatto per le Impregilo ord, che migliorano dello 0,7%, ma volano le risparmio di oltre il 9%. Scende Pirelli (meno 1,6%) e Telecom (meno 1,3%), nel giorno di inaugurazione dell’impianto in Cina. Andamento ondivago di Gemina che, esordita in rialzo di oltre l’8%, ha chiuso in calo del 4,7%. Nel risiko bancario si rafforza Bpi, ma crolla Unipol (meno 2,7%) in fase di aumento di capitale.