Telecom, resa dei conti più vicina

Ora della verità più vicina per i vertici di Telecom Italia: quello odierno, infatti, potrebbe essere l’ultimo cda alla guida del gruppo. Ufficialmente il board è chiamato ad approvare la semestrale che, secondo le stime, dovrebbe vedere un lieve aumento dei ricavi a 15,4 miliardi (più 0,6%), un margine operativo lordo di 6,25 miliardi, in linea con i 6,5 dello stesso periodo 2006 e un indebitamento di poco sotto i 39 miliardi, contro i 41,3 miliardi al 30 giugno 2006.
Un bilancio che l’ad Riccardo Ruggiero aveva previsto «sicuramente positivo». Ma potrebbe non bastare: l’intero vertice potrebbe essere sostituito dai soci Telco, non appena si formalizzerà il passaggio a loro della quota di Telecom detenuta da Olimpia. Un passaggio, ha lasciato intendere il presidente di Pirelli, Marco Tronchetti Provera, che potrebbe arrivare ad agosto. I soci di Telco hanno fatto sapere di essere disposti a prendersi tutti i giorni (180) a disposizione per chiudere la transazione. Tornando al toto vertici, per la presidenza continua a circolare il nome di Gabriele Galateri. Sul tavolo del cda non ci sarà, comunque, alcun dossier sullo scorporo funzionale della rete di accesso della compagnia telefonica. Ieri, infine, il cda di Telecom Italia Media ha approvato una semestrale con ricavi in crescita del 27,8% a 125 milioni.