Telecom, Tronchetti accusa Tavaroli: "Si occupava di schifezze di contorno"

I verbali dell'interrogatorio di Marco Tronchetti Provera, sentito dal pm di Milano Napoleone nell'ambito dell'inchiesta sui dossier illegali frutto delle intercettazioni telefoniche. L'ex presidente di Telecom: "Tavaroli non riferiva direttamente a me. Lo licenziai quando mi resi conto di alcuni ammanchi"

Milano - Il presidente di Pirelli ha riferito ai magistrati che lo hanno sentito il mese scorso come testimone nell’inchiesta sulla raccolta illecita di informazioni riservate che l’ex capo della security di Telecom, Giuliano Tavaroli, non riportava a lui direttamente e di aver avuto con lui solo colloqui brevi. Lo si legge nel verbale dell’interrogatorio di Tronchetti Provera, avvenuto il 27 giugno scorso in qualità di testimone davanti ai pm di Milano Fabio Napoleone e Nicola Piacente.

"Non riferiva a me" "(Il) signor Tavaroli (...) non è mai stato un mio riporto diretto", ha dichiarato il presidente di Pirelli al magistrato. "Solo se vi era in casi specifici, se era una cosa di importanza generale dell’azienda che mi riguardava direttamente come presidente della società, Tavaroli si rivolgeva direttamente a me", aggiungendo: "Generalmente con (Carlo) Buora, poi in seguito prima con Buora e Lamacchia e in seguito con Buora e l’avvocato Chiappetta".

Oak Fund: "Chiacchiere da bar" Raccontando di un colloquio avuto con Tavaroli quando questi non era più in Telecom sul cosiddetto "Oak fund" - il conto estero che secondo l’ex capo della security era nella disponibilità di alcuni funzionari dei Ds -, Tronchetti Provera ha detto di aver liquidato l’argomento definendolo "chiacchiere da bar di Roma". "Nel chiedere di essere reintegato - ha raccontato Tronchetti al pm - (Tavaroli) mi aggiunse 'Poi ci sono cose che volevo dirle, che riguardano anche Oak Fund', a quel punto ebbi una reazione credo abbastanza visibilmente negativa (...) aggiunsi anche che in quel momento si sentivano voci, una peggiore dell’altra e che lui sapeva che tutte queste cose a me non interessavano (...) Io ho sempre chiesto fatti, e fatti denunciabili, non mi interessava perché cosideravo che fosse solo strumento di un ulteriore polverone in un mondo dove già l’attitudine a creare polveroni era elevata".

L'invito ad andare dai magistrati Tronchetti spiega il suo disinteresse per le informazioni riferitegli da Tavaroli sull’Oak Fund,dicendo di aver illustrato all’ex responsabile della security la linea generale dell’azienda su queste vicende: "Se c’è qualcosa la si porta alla magistratura, l’azienda ha un suo percorso, non può infilarsi in queste...".

Colloqui brevissimi Il presidente Pirelli ribadisce più volte che Tavaroli aveva con lui solo colloqui brevissimi. "Questo era l’atteggiamento. Succedeva una volta ogni 4-5 mesi, che (Tavaroli) si piazzava nella mia segreteria, poi entrava, stava pochissimi minuti dicendo 'certi ambienti sono contro', insomma cose di questo genere, dico 'guardi, lasci perdere', ma erano cose rapidissime, proprio flash senza mai un seguito, senza un foglio di carta, senza niente".

Tutte le accuse Tavaroli è tra i 34 indagati di un’inchiesta appena chiusa dalla procura di Milano sulla raccolta illecita di informazioni riservate. Fra i reati contestatati a vario titolo per i diversi indagati vi sono associazione a delinquere, corruzione, appropriazione indebita, procacciamento e divulgazione attinenti alla sicurezza dello Stato. Telecom e Pirelli risultano indagate per la legge 231 sulla responsabilità amministrativa delle società sulla condotta dei loro dipendenti. Non risultano invece indagati Tronchetti Provera e l’ex-top manager Carlo Buora.

"Su Afef lo mandai a..." Tavaroli un giorno gli segnalò che esistevano una serie di presunte "criticità" sulle presunte "frequentazioni pericolose di uno dei fratelli di Afef nell’entourage di Sayf Gheddafi. Fu una delle volte in cui lo mandai un po'... diciamo di non occuparsi di cose che non lo riguardavano, perché Sayf Gheddafi era amico da sempre del fratello di Afef, avevano studiato insieme a Vienna, il padre era stato ambasciatore in Libia e aveva mantenuto il mandato dal presidente tunisino di tenere rapporti con la Libia, quindi era normale che lui frequentasse Sayf Gheddafi" figlio del presidente libico.

"Mai fatto richieste su Moggi" Tavaroli, secondo quanto riferito da Tronchetti Provera, "non ha mai avuto nessuna indicazione, né da me né da Moratti penso, assolutamente, di occuparsi della società di Moggi, ma neanche da Facchetti penso che abbia avuto indicazione di occuparsi della società di Moggi". Gli unici accertamenti chiesti nell’interesse dell’Inter, ha detto Tronchetti ai pm, erano legittimi e riguardavano alcuni calciatori visti "nei locali con persone strane". "Moratti mi disse che altri riuscivano a fare controlli migliori". Per questo l’ex presidente di Telecom disse a Giacinto Facchetti: "Senti, i nostri della sicurezza, se hanno una idea di come si può fare in modo di capire se questi sono in mezzo a gentaglia, perchè non facciano guai, ecco". Dopo quell’invito, spiega Tronchetti, "mi sono fermato".

"Security autoreferenziale al 100%" La security di Telecom era "autoreferenziale al 100 per cento", secondo Tronchetti Provera. Secondo l'ex presidente di Telecom, travalicando le sue funzioni, il gruppo di Tavaroli si sarebbe occupato di"«schifezze di contorno". "Quel mondo che io considero la zona grigia che speravo fosse esterna a Telecom e invece ha lambito Telecom, spero poco perché spero che si sia soltanto concentrata su poche persone in Pirelli e in Telecom, quei metodi di lavoro - dichiara Tronchetti - non aveva niente a che vedere con quelli che erano i canali del gruppo (...) Tutto questo è un mondo davvero estraneo, esterno, di non interesse, proprio interesse zero per l’azienda". "Questo modo di agire - a dire dell’ex presidente di Telecom - non ha avuto nessuna influenza né diretta né indiretta" sulla gestione dell’azienda, "sui rapporti istituzionali (...) Questa è l’anomalia di tutte queste cose".