Telecom, vicino l'accordo con gli spagnoli di Telefonica

Gli spagnoli dovrebbero rilevare la cassaforte "Olimpia" titolare del 18% di Telecom. In questa "SuperOlimpia" Telefonica sarebbe il primo azionista. L'accordo frutterebbe a Tronchetti 2,82 euro ad azione

Milano - Il riassetto Telecom è in accelerazione e, dopo un accordo di massima sull’ingresso degli spagnoli di Telefonica al 40% di Olimpia, un’offerta potrebbe venir formalizzata già nel weekend, o comunque entro pochi giorni. È quanto trapela da fonti finanziarie mentre prosegue freneticamente il lavoro delle banche per definire i dettagli dell’accordo. L’idea che ha preso peso sin da ieri nelle trattative sembra quella di creare una società veicolo, una "newco" che dovrebbe rilevare da Pirelli e dalla Sintonia dei Benetton Olimpia, la cassaforte titolare del 18% di Telecom.

In questa "SuperOlimpia" di nuova costituzione Telefonica sarebbe il primo azionista, Mediobanca e Generali dovrebbero entrare apportando anche le quote dirette possedute in Telecom, mentre una partecipazione più piccola andrebbe a Intesa Sanpaolo. La famiglia di Ponzano Veneto rientrerebbe invece con una quota il cui peso sarebbe in sostanza dimezzato rispetto al 20% oggi posseduto in Olimpia, anche se la partecipazione nella nuova società risulterebbe superiore al 10% in quanto gli acquirenti di Olimpia si faranno carico anche del debito della società.

L'accordo porterebbe a Tronchetti 2,82 euro ad azione L’idea di accordo alla quale si sta lavorando dovrebbe arrivare, alla fine dell’intera operazione, a riconoscere al patron di Pirelli, Marco Tronchetti Provera, il prezzo minimo richiesto che valorizza le quote Telecom in Olimpia a 2,82 euro per azione. Quanto al consiglio di amministrazione di Telefonica, previsto per il 10 maggio, non sembra essere un passaggio fondamentale per arrivare alla formalizzazione dell’accordo su Olimpia, visto che il management del gruppo avrebbe già le deleghe necessarie per un’intesa. Il gruppo spagnolo riunisce il consiglio di amministrazione alla fine di ogni mese, mentre in questo caso l’appuntamento è stato anticipato al 10 maggio perchè in quella data si terrà l’assemblea degli azionisti.

Borsa, scambi bollenti Seduta molto vivace a Piazza Affari per Pirelli che ha guadagnato il 3,73% a 0,9295 euro con scambi molto sostenuti e pari al 2,82% del capitale. Denaro anche su Telecom Italia che ha guadagnato lo 0,44% a 2,26 euro con scambi elevati e pari al 3,91% del capitale e sulla controllante di Pirelli Camfin che ha chiuso in rialzo del 4,1% a 1,904 euro. A scaldare i titoli sono le indiscrezioni circolate per tutta la seduta sul riassetto azionario del gruppo di tlc. Mediobanca e Intesa Sanpaolo sarebbero alle battute finali del lavoro sul dossier Olimpia-Telecom.

Telecom chiede correzioni sul ddl Gentiloni Più libertà commerciale a fronte della separazione della rete: Telecom chiede correzioni all’emendamento del ministro delle comunicazioni Paolo Gentiloni, non ancora approdato in parlamento. L’azienda ha predisposto un documento, consegnato al ministro, sullo "scorporo gestionale della rete" col quale si punta a confermare la linea del dialogo con l’autorità delle tlc, evitando imposizioni sulla separazione.