Telecom: weekend di colloqui Il governo argentino da Rossi

da Milano

Weekend di riflessione per la sorte di Telecom Italia. Ieri sono proseguiti i contatti tra le banche al lavoro per mettere in piedi una cordata che rilevi l’80% di Olimpia (holding che detiene il 18% di Telecom) dalla Pirelli. Nessun incontro, ma colloqui, sull’asse Intesa-Mediobanca. Nonché verifiche di carattere politico, dal momento che il clima «prodiano» che sembra avvolgere l’intero progetto di Intesa rischia di diventare un marchio troppo pesante sull’operazione. E per questo non mancano tentativi, soprattutto da parte della componente diessina del governo, per riequilibrare i progetti del futuro assetto, sia dal lato finanziario, sia da quello manageriale, del gruppo di tlc. Colloqui e verifiche proseguiranno anche oggi.
Sul fronte aziendale va registrato un incontro tra i vertici di Telecom Italia, il presidente Guido Rossi e il suo vice Carlo Buora, con il vicepresidente della Repubblica Argentina, Daniel Scioli. L’incontro sarebbe avvenuto nella sede di Telecom a Milano in occasione della visita istituzionale del governo sudamericano in Italia. I vertici di Telecom sembrano così proseguire nella direzione tracciata con il piano industriale del 9 marzo. In quella occasione, Buora aveva indicato l’obiettivo dell’azienda di puntare anche allo sviluppo in Argentina con il consolidamento, entro il 2009, della partecipata Telecom Argentina, attraverso l’esercizio di opzioni e con un investimento nell’ordine dei 2 miliardi.