Telefonino già in seconda elementare per un bimbo su 5

FUSIONE Via libera dei partiti all’operazione Atm-Gtt. La delibera passerà in consiglio

Il telefonino in Italia è l’oggetto tecnologico più diffuso, ormai: tutti ce l’hanno e tutti lo sanno usare, o almeno ci provano. Eppure, sono tanti gli aspetti che ignoriamo del nostro rapporto con questo strumento tanto familiare: come i meccanismi che si scatenano quando il telefonino si mette di mezzo nel rapporto fra genitori e figli.
Secondo una ricerca del Cremit - centro di ricerca sull’educazione ai media, all’informazione e alla tecnologia - dell’Università Cattolica, gli adulti hanno un rapporto diverso con il telefonino rispetto ai figli. Su mamma e papà, agisce come un ansiolitico, creando l’illusione di sapere sempre dove sono e cosa stanno facendo i propri figli. «Mentre per i ragazzi - spiega Pier Cesare Rivoltella, direttore del Cremit -, è invece il nuovo diario, in cui archiviare pensieri, messaggi, foto e video».
Una tesi confermata anche da una ricerca dell’università La Sapienza di Roma in collaborazione con la Cattolica di Milano, secondo la quale la massiccia diffusione dei cellulari tra i bambini delle elementari risponderebbe più a un bisogno di controllo dei genitori che a una reale necessità dei più piccoli. Secondo lo studio, nella fase preadolescenziale il telefonino rappresenta una sorta di cordone ombelicale che bilancia le prime concessioni di autonomia con le apprensioni di mamma e papà. Se infatti solo il 20 per cento degli alunni di seconda elementare ne possiede uno, la percentuale cresce esponenzialmente con il passare degli anni fino ad arrivare al 90 per cento fra i ragazzini di terza media.
Da qui la necessità di favorire un confronto tra grandi e adolescenti, alla quale il Comune ha cercato di rispondere con una iniziativa che partirà a novembre e che coinvolgerà in una prima fase 60 ragazzi dei licei di Milano e le loro famiglie.
Una sorta di «scuola di telefonino», con incontri settimanali di tre ore ciascuno fino a dicembre presso la sede dell’onlus «L’Amico Charly».
Mentre «Save the Children» assieme a Vodafone ha varato una «Guida all’uso responsabile del cellulare».
Con le nuove tecnologie «la vita cambia e mutano i rapporti affettivi - ha commentato l’assessore alle politiche sociali di Milano Mariolina Moioli -. È un fenomeno che va studiato e compreso».
«Le nuove tecnologie - ha concluso Rivoltella - non sono né buone né cattive di per sé, ma possono trasformarsi in opportunità. Credo che non scatenino tout court l’aggressività dei ragazzi. Semmai possono catalizzarla, ma se usate bene possono anche prevenirla». Promuovendo una nuova alleanza in famiglia.