Telemedicina per aiutare chi vive lontano

Cinque elettrocardiografi portatili messi a disposizione di altrettanti medici di medicina generale della Valle Stura (2) e della Val Trebbia (3) e collegati a distanza con l’Unità Coronarica dell’Ospedale di Sestri Ponente in modo da fornire in tempo reale l’analisi dei risultati dell’esame appena effettuato: punta sulla Telecardiologia il progetto di telemedicina realizzato dal Gal Appennino Genovese nell’ambito del progetto europeo «Tele Medicine» Interreg IIIC, il cui meeting conclusivo è in corso nell’auditorium della sede della Regione Liguria. Quasi 300 mila euro il costo del progetto, cofinanziato dalla Regione Liguria, e che ha visto la collaborazione di molti soggetti istituzionali. «Si tratta di un progetto - spiega Marisa Bacigalupo, presidente del Gal Appennino Genovese -. che vuole migliorare la qualità della vita delle persone».
In campo di informatica applicata alla sanità, sta dando buoni risultati anche la gestione in rete delle liste d’attesa. Sarà esteso progressivamente a tutte le aziende sanitarie liguri il sistema informatico di gestione dei tempi di attesa per gli interventi chirurgici da fare.