TeleTu litiga con Youdem: telefono in faccia a Bersani

Il centralino è impazzito e dall’altra parte della cornetta non c’erano buone parole. Perché agli utenti che avrebbero voluto cambiare operatore telefonico, TeleTu ha risposto prego, accomodatevi, fanno 40 euro per il disturbo. Aggiungendo che è tutta colpa di Pier Luigi Bersani (nella foto) e del suo decreto del 2007. E così loro, gli utenti, hanno subissato di chiamate il Pd, che ha dato il via a una campagna di verità su Youdem: danno la colpa a Bersani ma mentono sapendo di mentire. Botta, risposta, e poi è proprio la tv democrat a svelare il mistero, senza peraltro accorgersene. È l’operatore, spiega Youdem, che decide autonomamente di far pagare i 40 euro al cliente. Prova ne sia il testo del decreto, avvisano i democrat prima di diffonderlo. Eccolo: «I contratti (...) devono prevedere la facoltà del contraente di recedere o di trasferire le utenze presso altro operatore senza vincoli temporali o ritardi non giustificati e senza spese non giustificate da costi dell’operatore». Si vede che a TeleTu, le spese sono giustificate. O no?