La temperatura ideale limitando sempre i consumi

Dalla rubinetteria digitale ai tetti fotovoltaici e alle caldaie ad altro rendimento

La rubinetteria digitale con dispositivi in grado di programmare erogazione, portata, miscelazione e temperatura dell'acqua in base alle esigenze, garantendo il massimo dell'efficienza nel consumo di acqua. Tetti e impianti solari termici e fotovoltaici, tra le tecnologie di generazione da fonti rinnovabili, come sistemi più diffusi a livello residenziale. Il consumatore può, a esempio, sostituire la sua caldaia con una a condensazione, che permette di ottenere un rendimento maggiore rispetto ai sistemi tradizionali, grazie alla possibilità di recupero del calore latente dei gas di scarico. Il rendimento di questo tipo di caldaie varia tra il 105% e il 109%, contro il 90/93% delle caldaie convenzionali.Non mancano caldaie a legna, a pellet o ad altri triti vegetali ad alta efficienza. Per raffrescare la propria casa, limitando il consumo energetico, si può optare per una pompa di calore, apparecchiatura che soddisfa il fabbisogno di climatizzazione sia invernale sia estiva. Trasforma il calore presente nell'ambiente in energia termica per riscaldamento e acqua calda sanitaria, o per il raffreddamento (pompe di calore «reversibili» o «inverter»). Case, insomma, sempre più efficienti, grazie a soluzioni innovative e integrate. Il mercato dell'impiantistica domestica offre una grande varietà di scelte disponibili, ma orientarsi non è facile. Per questo i cittadini hanno bisogno di professionisti esperti, in grado di capire e proporre le soluzioni più adatte alle specifiche esigenze, assidui frequentatori di MCE.«Il settore dell'idrotermosanitario è il termometro della nostra eccellenza tecnologica - dichiara Alberto Caprari, presidente ANIMA (Federazione della Meccanica Varia di Confindustria) -; i nostri prodotti rispondono agli standard di qualità più alta richiesta all'estero, sia nel domestico che nel building professionale. Confidiamo, inoltre, nell'accennata ripartenza del mercato dell'edilizia nazionale. I comparti dell'idrotermosanitario determinano l'efficienza energetica vera delle nostre abitazioni, edifici pubblici e imprese. Per questo motivo gli impianti termici, gli aeraulici, le valvole, i rubinetti e le pompe sono soggetti a evoluzioni normative costanti come l'etichettatura energetica e l'ecodesign. Le nostre tecnologie occupano spesso le prime posizioni a livello di diffusione internazionale. MCE saprà attrarre ancora una volta buyer e progettisti che da tutto il mondo vengono ad attingere il meglio proprio in Italia».Uno scenario di grande respiro. «I dati ANIMA di preconsuntivo 2015 - dichiara Massimiliano Pierini, direttore generale di Reed Exhibitions Italia - e soprattutto le stime, per il prossimo 2016, evidenziano come l'eccellenza della industria italiana nella meccanica, che da sempre investe in ricerca e innovazione, possa costituire il motore per lo sviluppo interno del nostro Paese, e in questo contesto sono sicuro che ancora una volta MCE 2016 sarà un' importante piattaforma di business, oltre che punto di incontro privilegiato».FdM