La tempesta minaccia Francia e Inghilterra

Venti a 140 km orari e piogge torrenziali si stanno abbattendo in
queste ore su Francia e Gran Bretagna. Ragazzo disperso in Bretagna. <strong><a href="/media.pic1?ID=424">Guarda le immagini</a></strong>

Il maltempo colpisce il nord Europa. Venti a 140 km orari e piogge torrenziali si stanno abbattendo in queste ore su Francia e Gran Bretagna. Le tempeste hanno già fatto numerosi danni e disperso un ragazzo in Bretagna.

Un disperso in Francia E' una vera tempesta quella che si è abbattuta questa notte e continua oggi sul nord e sull’ovest della Francia, con raffiche di vento a 140 km orari sulla costa e piogge torrenziali. Per ora il bilancio è di un disperso, molti danni per inondazioni e un mercantile finito su una spiaggia della Vandea. Con un vento di mare a 35 nodi, il mercantile con sette persone d’equipaggio si è arenato sulla spiaggia delle Sables-d’Olonne. Non ci sono vittime né tracce di inquinamento, stando alla prefettura locale. In Bretagna da ieri sera sono scattate le ricerche di un giovane di 26 anni disperso dopo essere caduto in acqua nel porto del Relecq-Kerhuon, vicino a Brest. Aveva appena messo piede su un’imbarcazione con il cugino per rafforzare gli ormeggi in previsione della tempesta quando un’ondata ha rovesciato la barca. Del 26enne non si è trovata finora nessuna traccia, mentre il cugino è stato soccorso dai pompieri. Centinaia le chiamate ai servizi di soccorso, soprattutto da parte di persone bloccate in auto dal crollo di alberi o da inondazioni sulle strade. Sono sospesi diversi collegamenti ferroviari in Bretagna, interrotte le strade, chiusi i ponti. La prefettura invita gli abitanti a non uscire di casa e soprattutto a non prendere l’automobile.

Allarme in Gran Bretagna La Gran Bretagna si prepara ad affontare una tempesta che colpirà soprattutto le coste atlantiche e meridionali. Venti a 130 km orari e piogge torrenziali stanno già rovesciandosi sulle coste di Devon e Cornovaglia, nel sud-ovest dell’Inghilterra, e del Galles, mentre in Scozia sono previste tormente di neve. La Bbc ha reso noto che l’Agenzia per l’ambiente ha diramato un avvertimento alla popolazione delle zone più esposte a restare in casa e a restare incollata alla radio per ascoltare i bollettini gli annunci di eventuali imminenti inondazioni. Questa mattina il premier Gordon Brown si è riunito con i responsabili della protezione civile per approntare le misure necessarie ad affrontare l’emergenza.