Tempesta su Madera almeno 42 le vittime

Un eccezionalevondata di maltempo ha sconvolto l'isola portoghese nell'Atlantico. Fra le aree più colpite la capitale Funchal che ha strade ingombre di fango, alberi crollati e auto trascinate dalla
corrente a causa delle inondazioni. Devastata la zona montagnosa della valle di Nuns 

Roma - E' salito ad almeno 42 morti il bilancio della tempeste e delle inondazioni che hanno colpito l'isola portoghese di Madera, davanti alle coste africane, alto il numero dei feriti, che sono 120. Il primo ministro José Socrates è arrivato ieri sera sull'isola per coordinare i soccorsi. A Madera (rimasta isolata ieri per tutta la giornata) sono arrivati aerei militari, mentre è salpata dalla madrepatria una nave militare con un elicottero e personale di soccorso. Lo riferiscono i media locali e internazionali. "Farò tutto il possibile per aiutare", ha detto Socrates, alla Bbc. Sulla nave militare salpata per Madera si trovano un elicottero, 56 militari specializzati in soccorsi con cani da ricerca e 36 vigili del fuoco.

Da ieri sera sono stati ripristinati i collegamenti con l'isola, bloccati per tutta la giornata di ieri. "Stiamo studiando la possibilità di dichiarare lo stato di emergenza e di chiedere aiuto all'Unione europea" ha detto il ministro dell'Interno Rui Pereira, arrivato anch'esso sul posto. Secondo il sito del quotidiano portoghese Diario de noticias, il bilancio delle vittime è salito a 38morti e a una settantina di feriti. "Ma alla fine il numero potrebbe salire", ha detto un funzionario regionale, Francisco Ramos. A Madeira vivono 250.000 residenti e ci sono molti turisti.

Fra le aree più colpite c'è la capitale Funchal, ma la preoccupazione ora è soprattutto per la zona montagnosa isolata della valle di Nuns, dove i soccorritori non sono ancora riusciti ad arrivare. Secondo una turista inglese sentita dalla Bbc, Funchal appare oggi come una città fantasma, con le strade ingombre di fango, alberi crollati e auto trascinate dalla corrente. Il presidente del governo regionale, Joao Jardim, ha annunciato tuttavia che i mercati all'aperto saranno incoraggiati a riaprire. "Non sappiamo quanto questo danneggerà il turismo - ha detto - ma non c'è motivo di drammatizzare troppo la situazione".

L'ambasciatore a Lisbona Luca Del Balzo ha detto all'ANSA che "finora non abbiamo avuto notizia di problemi fra gli italiani sull'isola". Da Funchal, l'assistente del consolato onorario Rosina Pereira ha detto che quasi tutti i circa 100 italiani residenti sull'isola sono stati contattati e stanno bene. Oggi - ha aggiunto - sull'isola, dopo le piogge torrenziali di ieri, "é tornato il sole e fa caldo, il termometro è risalito a 21 gradi". 

Il presidente della Commissione Ue, il portoghese Manuel Barroso, ha detto che l'Europa è pronta ad aiutare Madera, di fronte alla "terribile catastrofe" che l'ha colpita. Il calciatore del Real Madrid Cristiano Ronaldo, nato in un quartiere povero di Funchal, ha parlato di "una tragedia senza precedenti". Secondo la stampa portoghese quella di sabato è la peggiore catastrofe che abbia colpito l'isola da più di un secolo.