Tempi stretti per i Bond

La giunta ha deliberato di «rifinanziare un miliardo e 700 milioni di euro, degli oltre 3 miliardi di debito totale del Comune, con l’emissione di Bond». Lo ha annunciato l’assessore al Bilancio, Mario Talamona. L’operazione, ha spiegato ancora Talamona, consentirà di liberare 100 milioni di euro di risorse per il 2005. L’assessore è poi entrato nei dettagli: «Con quest’operazione virtuosa, che non potevamo non fare, otterremo una riduzione cospicua dei tassi di interesse, oltre che uno sconto fiscale notevole sul debito». Secondo Talamona, si tratta di un’emissione che darà «grande prestigio e visibilità al Comune di Milano, che gode di un rating molto alto».
Tempi strettissimi, però, per il provvedimento. Entro il 17 giugno il Consiglio comunale dovrebbe approvare l’emissione del prestito obbligazionario, gestito da un istituto finanziario tra quelli che parteciperanno a un bando di selezione. «In questo modo - ha spiegato l’assessore al Bilancio - il Comune potrà beneficiare, nei termini di legge previsti, di una riduzione del credito d’imposta pari al 50% anche per il primo semestre di quest’anno».