Il tempio che spacca la Darsena: un referendum per decidere

A Genova si raccolgono le firme per indire il referendum. «Siano i genovesi a decidere se una moschea deve esserci». Il centro islamico è diventato un problema culturale e logistico, tanto che la maggior parte dei partiti chiede che sia la popolazione a scegliere sul progetto del luogo di culto che il sindaco Marta Vincenzi e l’imam Salah Husein vorrebbero alla Darsena, nel pieno centro cittadino. Al comitato referendario partecipano An, Forza Italia, Udc, ma anche Udeur, esponenti di Pd e Italia dei Valori che hanno creato una spaccatura nella maggioranza che sostiene il sindaco. Non c’è la Lega Nord che, sulla possibilità di realizzare una moschea in città, non vuole neanche sentir parlare. La moschea alla Darsena in realtà è ancora un’idea tutta da concretizzare, dopo la battaglia vinta dai comitati «anti moschea» del Ponente che sono riusciti ad evitare che il centro islamico non fosse realizzato nell’area di Coronata.