È tempo di salpare a bordo di «Big blu»

Un week end per sognare. Mare, sole, vento e barca nuova (o la prima, per i «ritardatari»). Sono gli ultimi tre giorni di Big Blu, il Salone della Nautica e del Mare ospitato nelle strutture della Fiera, e sarebbe davvero un peccato lasciarselo sfuggire, viste le tante novità proposte. A cominciare dalla possibilità di ammirare in tutta calma barche, gommoni, motori e dotazioni per la pesca, mentre i propri figli se la spassano nella speciale piscina iperventilata. Qui gli istruttori della Federazione italiana Vela forniscono ai ragazzini i primi rudimenti della noble art, consentendo loro di provare i piccoli e graziosissimi Optimist (foto), derivette e windsurf.
All’interno degli oltre 90mila metri quadrati di spazio espositivo molte anteprime, con la pesca sportiva e professionale protagonista di questo ultimo week end (ci sarà la possibilità di acquistare i prodotti direttamente in fiera). Domani in programma anche una giornata dedicata ai sistemi di riduzione delle emissioni nocive, tra i quali l'idrogeno la fa da padrone (alcuni modelli sono già disponibili, come il tender Callegari Hidro). Tra le più interessanti imbarcazioni presentate in anteprima, Ego 43 (Best Yachts), gioiello da 13.80 mt fuoritutto motorizzato entrobordo Volvo Penta e strumentazione ultratechno, fino a 12 persone trasportabili e sei posti letto. Suggestivo anche Mira 44 open (Innovazioni progetti), una vera e propria barca «cabrio». Fra le imbarcazioni a vela, il Comet 21 One design (Comar), che soddisfa le esigenze degli appassionati delle competizioni e nel contempo si offre a chi vuole affacciarsi al mondo della vela, distinguendosi per prestazioni, facilità di conduzione, robustezza, carrellabilità e contenimento dei costi d’acquisto e gestione. Come sempre da ammirare, infine, i gozzi di Apreamare, lo storico cantiere sorrentino. Un mirabile equilibrio tra le linee della tradizione e tecnologia d’avanguardia.