Tendenze e tradizioni in camera da letto

Certamente uno degli ambienti della nostra casa più importanti, più intimi e che ciascuno decora secondo il profondo dei propri gusti, è la camera da letto. Infatti spesso la casa viene arredata in maniera modernissima, in ogni suo locale, in ogni suo angolo, e poi ci si ritrova con una camera destinata alla notte tutta in un bello stile, al di fuori dei tempi e delle regole di oggi. Ma non c'è da meravigliarsi perché ciascuno di noi considera questo come il luogo più privato, che non ha necessità di essere mostrato, che richiede silenzio, tranquillità, serenità, e quindi l'arredo molto spesso rimane immobile nel tempo, sia per pigrizia sia perché ci si accorge delle cose passate di moda, sia magari per certe superstizioni che ancora vivono in tante regioni italiane. E poi neppure i giovani si garantiscono in questo ambiente un arredo tutto di oggi, perché molto sovente usufruiscono di qualche mobile di famiglia, sia un cassettone, siano due comodini, sia un armadio. Ecco, il letto vero e proprio, quello che i giovani lo scelgono per conto loro, e non ne vogliono sapere del letto dei genitori o dei nonni. Una recente indagine del supplemento alla casa del quotidiano New York Times ha straordinariamente affermato quanto avviene nel nostro Paese, a conferma che si tratta di un fenomeno davvero comune anche in Nazioni diversamente evolute. Ma oggi per i letti quali sono le preferenze? Il mercato offre tre indirizzi ben precisi: il letto in ferro, quello in legno e quello tessile. Nel primo caso domina la fantasia in ogni modello, il ferro battuto si presta a mille volute, spirali, colonne, piegature e anche al gioco dei colori, quasi sempre pastello. Molti pezzi di oggi sono a metà strada tra i ricordi del passato e accenni di modernità, per catturare più gusti. Il letto in legno si è fatto basso, sempre dotato di una testata attrezzata che spesso contiene comodini, lampade, biancheria, per la verità con una monotonia di proposte che rendono sempre più difficile ogni identificazione di marca. Quello tessile è forse il tipo di letto più diffuso, un poco perché non presenta vincoli di complementi e attrezzature, un poco perché il rivestimento può essere scelto proprio in linea con i nostri gusti. Certo anche qui non si sfugge più agli esercizi dei più diversi architetti, sempre ripetitivi sulle dimensioni e forme delle testate.