Il tenente «squalo» seduce la Ardant per scalare il potere

«Racconto l’Italia di oggi» spiega l’autore. Protagonista del suo film il debuttante La Stella

da Roma

D'accordo, non sarà la storia di Ricucci, l'immobiliarista caduto in disgrazia dopo aver provato a scalare Rcs, ma vedrete che quando uscirà nelle sale, a settembre, il nuovo film di Vincenzo Marra farà molto rumore. Perché, un po' come succedeva con A casa nostra di Francesca Comencini, viene fotografata l'Italia dei nostri tempi: vorace, feroce, gaudente, incline alla corruzione, ai guadagni facili, all'intreccio tra finanza e politica, sensibile ai simboli del potere e del benessere.
Si gira a Roma, dal 5 febbraio, L'ora di punta, terzo lungometraggio del trentaseienne regista napoletano che fu lanciato da Nanni Moretti con Tornando a casa e si impose alla Mostra di Venezia con il successivo Vento di terra. Produce Tilde Corsi, socia storica di Ferzan Ozpetek, insieme con Raicinema, con l'aiuto sostanzioso di un fondo di garanzia ministeriale (un milione e 600mila euro). Nel cast Fanny Ardant, che non ha bisogno di presentazioni, Giulia Bevilacqua, cara al pubblico di Distretto di polizia e Ris, e l'esordiente Michele La Stella, da Cerignola (Puglia) nel ruolo del protagonista, Filippo. Trama blindata, o quasi: la vicenda, imperniata sull'irresistibile ascesa di un'ufficiale della Finanza, un Bel-Ami degradato e malinconico, capace di sfruttare il momento giusto per arricchirsi nel campo immobiliare, sembra proporsi come un'allegoria cupa sulla corruzione che intimamente corrode e trasforma.
«Ricucci? Francamente non mi ispiro a lui, anche se questo Paese ha partorito tanti figli simili, nel campo del calcio, delle banche, della politica. Basta aprire un giornale», spiega Marra, aggiungendo di aver cominciato a pensare al film nel 2003, «in tempi non sospetti». Provenendo dal documentarismo, il cineasta si è preso tempo per fare ricerche ed elaborare scenari credibili. «Ci provo a raccontare l'Italia di oggi, mutando ogni volta punto di vista: una barca di pescatori, il quartiere di Secondigliano, un Palazzo di giustizia...». Ma L'ora di punta sigla anche «la conclusione di una trilogia personale ispirata agli elementi della natura. Tornando a casa era l'Acqua, Vento di terra la Terra, questo il Fuoco».
Il fuoco delle ambizioni, del sesso, della rivincita personale. Ecco, allora, la parabola di Filippo, giovane e zelante tenente delle Fiamme Gialle. Abbandonato dalla fidanzata Francesca, ridottosi a dormire in una grigia stanza di periferia, l'uomo passa per un culo-di-pietra ligio al dovere, pronto a fare mattina per conquistare la fiducia del comandante. Ma quando un gioielliere gli propone una notevole somma di denaro in cambio di una relazione ammorbidita dopo un controllo fiscale, Filippo cambierà idea, intravedendo nuovi sviluppi di vita.
Come il Richard Gere di Affari sporchi, prende a scambiare favori, tra dazioni illecite e manovre spericolate. Di lì a poco lascia la divisa per dedicarsi a un nuovo lavoro di mediatore-palazzinaro, anche perché nel frattempo ha conosciuto una sensuale, raffinata e spregiudicata donna francese, Caterina, di vent'anni più grande di lui, con la quale intesse una storia di sesso. Lei è il grimaldello giusto per introdursi negli ambienti che contano: finanziari, politici, industriali. Chi lo ferma più, Filippo, squalo tra pescecani? Eppure - come ogni storia del genere insegna - c'è sempre il passato che ritorna.
Viene da chiedere a Marra se alla fine il corrotto, una sorta di anti-eroe dei nostri tempi, la farà franca o no. La moda cinematografica introdotta da film come Match Point celebra l'impunità dei «cattivi», la forza dell'illegalità diffusa, della furbizia luciferina. Ma il regista, incline a raccontare personaggi ambigui, spesso in una luce pessimista, non cade nella trappola. «Accadono molte cose nel film, la storia è intricata, piena di sfumature, perché mai dovrei spiattellarla così?», si nega. Preferisce elogiare i suoi interpreti, Fanny Ardant in particolare. «Ho scritto il copione pensando a lei. La incontrai due anni fa, la prima volta, mi disse subito di sì. Era entusiasta. Caterina non poteva che essere Fanny: carismatica e avvolgente, ma anche fragile. A un certo punto abbiamo rischiata di perderla, per altri impegni, per fortuna ha mantenuto l'impegno». Quasi una seconda patria per lei, l'Italia. In un’intervista, la 57enne attrice che fu compagna di Truffaut e che in dicembre ha recitato all’Eliseo, ha detto: «Ho pensato che dovevo parlare l'italiano, che rende tutto più nobile. Pian piano ho imparato, selvaggiamente. E ho imparato anche che dal caos possono nascere grandi cose». Sarà per questo che detesta la nostra legge sul fumo?