Tennis, dietro la Williams niente

Serena torna in finale agli Australian Open: incontrerà la Safina ma sa già che tornerà ad essere la numero uno al mondo. Perché tra russe e serbe manca la regina assoluta che può contrastare l'ormai 27enne americana

Certo, c'è Serena. C'è sempre lei, la Williams più piccola e più grossa, che si appresta a vincere il suo decimo Slam e riconquistare il numero uno al mondo: le sono bastati solo due set per far fuori Elena Dementieva e per riproporsi nella finale degli Australian Open nel solito anni dispari, visto che a Melbourne ha già vinto nel 2003, nel 2005 e nel 2007. L'ultimo ostacolo sarà la russa Dinara Safina, ma vogliamo credere che la sorellina di Marat la possa davvero fermare? Molti lo sperano, ma anche se fosse il tennis femminile odierno non ne uscirebbe alla grande, perché dopo anni di dominio Williams (ma con avversarie di alto spessore), la splendida parentesi Henin e l'avvento glamour dilla Divina Maria Sharapova, ora il livellamento è inesorabilmente verso il basso. Insomma, il tennis femmnile cerca una regina e alla fine ritrova la solita Serena, anche perché le altre vengono fuori a tratti ma poi si sciolgono al sole. E il caldo autraliano c'entra poco. In pratica: ci sono le russe, ma aldilà della Sharapova, ma attualmente infortunata, le altre sembrano tutto tranne che una numero uno. La Dementieva, appunto, così carina ma così fragile. Eppoi la Safina, grandi mazzate come la Petrova e pure la Zvonareva, oppure la Kuznetsova, più agile tatticamente ma sempre troppo leggera. Dopodiché le serbe, con la Jankovic fino all'Australia numero uno al mondo senza aver vinto uno Slam e la Ivanovic che ogni tanto finisce per rompere lo specchio. Tutte fuori perché ripassa la Williams. E poi poco altro, così finisce che quando Serena decide che è l'ora di giocare a tennis non ce n'è più per nessuna: a 27 anni, dunque, si appresta - salvo sorpresona - all'ennesimo trionfo, ma dietro di lei ora c'è il vuoto. E soprattutto non c'è una rivalità come quella che Melbourne probabilmente rimetterà in scena tra gli uomini: Federer infatti è già in finale. Scommettiamo che ci arriva anche Nadal? Risultati. Semifinali femminili: S. Williams (Usa) b. Dementieva (Rus) 6-3, 6-4; Safina (Rus) b. Zvonareva (Rus) 6-3, 7-6. Semifinale maschile: Federer (Svi) b. Roddick (Usa) 6-2, 7-5, 7-5.