Tenta il suicidio impiccandosi a un cartellone

Un ragazzo romeno di 20 anni ha tentato ieri all’alba d’impiccarsi a un cartellone pubblicitario di Guidonia. A salvarlo, il pronto intervento dei carabinieri della stazione Settecamini. Sebastian, immigrato in Italia clandestinamente, aveva deciso di farla finita in seguito a un lungo girovagare per la via Tiburtina. Si è tagliato prima le vene del polso poi, fallito questo tentativo iniziale, ha legato un cavo elettrico a un cartellone pubblicitario all’ingresso dell’area industriale di Guidonia Montecelio e si è lasciato andare. Un automobilista ha allertato però i carabinieri, di passaggio a bordo di una volante. E, senza perdere un istante, i militari gli hanno sollevato le gambe e slegato la corda che lo stava soffocando. Sebastian però non ha gradito il gesto. Appena rianimato, i carabinieri (assieme agli operatori del 118 che nel frattempo erano arrivati sul posto) lo hanno dovuto tenere con la forza. Il ragazzo infatti ha iniziato a dare delle violente testate al suolo urlando a pieni polmoni di voler morire. Calmare il giovane non è stato facile. Alla fine però è stato fatto salire a bordo di un ambulanza che lo ha trasportato all’ospedale Sandro Pertini.