Tenta il suicidio vicina di casa della poliziotta

Una vicina di casa di Luciana Callegher, la poliziotta che sabato allo stadio di Treviso si è sparata in testa, ha tentato di togliersi la vita aprendo il gas in casa

Treviso - Ha tentato il suicidio anche una vicina di casa di Luciana Callegher, la poliziotta che domenica scorsa allo stato Tenni di Treviso si è sparata un colpo alla testa. Scossa dalla notizia la donna, R.B., 43 anni, - riportano alcuni giornali - ha tentato di togliersi la vita aprendo il gas nell’appartamento che si trova a fianco di quello della poliziotta, con la quale pare avesse avuto parecchi litigi per via del cane. Qualcuno ha sentito l’odore del gas e ha chiamato i vigili del fuoco, che l’hanno salvata. La donna è ricoverata all’ospedale Cà Foncello, ma le sue condizioni non sono gravi. I motivi del suo gesto non sono ancora chiari, ma a spingerla potrebbe essere stato il "senso di colpa" per le liti con la poliziotta che pare mal sopportasse il cane della vicina.