Tenta di uccidere la rivale in amore

Per contendersi un fidanzato una ragazza ha tentato di uccidere una coetanea a Messina. Per questo motivo è stata arrestata. Si tratta di Alessia Micalizzi, 20 anni, alla quale il giudice ha concesso gli arresti domiciliari. La ragazza, con un taglierino, ha sfregiato la coetanea affondando la lama sul viso della rivale in amore. La vittima è ricoverata al Policlinico dove ieri è stata sottoposta a un intervento di chirurgia plastica per le profonde ferite al collo, al mento e alle labbra. L'episodio si è verificato sabato sera in una zona frequentata dai giovani nel centro di Messina, davanti a numerosi ragazzi. Secondo le testimonianze raccolte dalla polizia Alessia Micalizzi avrebbe prima colpito la rivale con calci e pugni e poi, dopo aver preso dalla borsa il taglierino, si è avventata sul viso della coetanea. Dopo l'aggressione la ventenne è fuggita, gettando in un tombino il taglierino.