Tentano di truffare due anziane: arrestati

I carabinieri della compagnia di Velletri hanno arrestato R.V. e O.G., entrambi pregiudicati napoletani rispettivamente di 26 e 29 anni, per il reato di truffa aggravata in concorso. Nel pieno centro di Velletri i due, nel breve arco temporale di circa tre ore, sono riusciti a truffare con la stessa tecnica due pensionate. Le donne, di 81 e 84 anni, sono state avvicinate dai due balordi che si sono spacciati per amici dei rispettivi nipoti. Dopo aver acquistato la fiducia delle ignare anziane con modi garbati e gentili, hanno chiesto delle somme in denaro contante dicendo loro che servivano per saldare i debiti contratti dai nipoti a causa di ritardi nel pagamento della polizza assicurativa dell’automobile.
Ad avvalorare la tesi i due truffatori hanno simulato delle finte chiamate in cui hanno inscenato una conversazione con i nipoti delle signore che, a quel punto, hanno consegnato la prima 100 euro e la seconda 2.800 euro. I carabinieri, attivati dalla chiamata (questa volta vera) del nipote di una delle anziane truffate, sono riusciti rapidamente ad individuare ed arrestare i due truffatori ancora intenti nei loro imbrogli in zona. Gli arrestati saranno processati con il rito direttissimo. Non si esclude il loro coinvolgimento in episodi analoghi avvenuti non solo a Velletri ma in altri comuni dell’interland della capitale.
I carabinieri rinnovano l’invito a tutti gli anziani a stare attenti a chiunque li avvicini per chiedere loro dei soldi. Consigli utili: non aprite agli sconosciuti e non fateli entrare in casa; diffidate degli estranei che vengono a trovarvi, soprattutto se siete soli; prima di aprire la porta, controllate dallo spioncino e, se avete di fronte una persona che non avete mai visto, aprite con la catenella attaccata; attenzione a non chiamare utenze telefoniche fornite da sconosciuti per verificare la loro appartenenza a enti vari perché dall’altro capo del filo potrebbe esserci un complice.