Tentato sequestro Arrestata banda di rapinatori in villa

Tre pistole-replica, proiettili veri di vari calibri, 8 telefoni cellulari, una mazzaferrata, un piede di porco, taglieri e fascette per immobilizzare gli ostaggi, caschi e passamontagna. È l'arsenale sequestrato dalla polizia a Roma durante l'operazione che l'altra notte ha portato alla cattura di 4 cittadini romeni tra i 19 e i 33 anni che stavano per sequestrare l'intera famiglia di un imprenditore in una villa a Boccea. Gli agenti della sezione antirapina della Squadra mobile, diretti da Andrea Di Giannantonio, hanno però preceduto i malviventi, due dei quali sono stati immobilizzati e arrestati dopo aver scavalcato il muro di cinta della villa, mentre i loro complici, compreso il palo di 31 anni, sono stati catturati all'alba in un casolare abitato da clandestini nella zona di Palmarola. Mentre i banditi pedinavano l'imprenditore venivano a loro volta seguiti dalla polizia che è intervenuta dopo aver messo in salvo la famiglia della vittima composta dai suoceri, dalla giovane moglie incinta e dal figlioletto di 3 anni.