Tentava di darsi fuoco, vivo grazie a un militare

Si è dato fuoco davanti ai carabinieri. E solo il pronto intervento di un brigadiere - che gli si è lanciato contro avvolgendolo con una coperta e spegnendo le fiamme in pochi attimi - ha impedito che finisse all’altro mondo.
Ora Francesco R., 53 anni, è ricoverato al Policlinico con ustioni di secondo e terzo grado, ma non corre pericolo di vita. «Solo ed esclusivamente grazie a quel militare» hanno precisato i medici che hanno curato le bruciature a un avambraccio e a una mano del brigadiere 43enne. Il carabiniere, poco dopo le 13.30 di ieri, è giunto con una pattuglia in via Maderna, al Ticinese. La custode di uno stabile, Carla B., aveva appena chiamato il 112 in preda al panico, dicendo che il suo ex convivente era davanti all’entrata principale dello stabile con una bottiglia di benzina in mano e minacciava di bruciarla. All’arrivo dei militari, però, l’uomo ha cosparso il proprio corpo del liquido infiammabile e si è dato fuoco. A salvargli la vita è stato il carabiniere.