Teocoli deluso: con Raiuno ho rispettato i patti

da Milano

Dunque la tempesta del giorno dopo non c’è stata: venerdì Raiuno ha improvvisamente annullato lo show di Teocoli e lui rimane ancora in attesa di capire il perché. Intanto, ci vuole un riassunto. Il one man show di Teo Teocoli avrebbe dovuto andare in onda per quattro prime serate su Raiuno subito dopo il Festival di Sanremo, quindi intorno alla metà di marzo e da qualche settimana era già bersaglio di boatos e indiscrezioni. Teocoli, si sa, è un artista di talento imprevedibile e sregolato. E la formula del one man show, così impegnativa e fascinosa, si espone a tante variabili.
Lo show, di cui si favoleggiava da un po’, era stato confermato a fine novembre dall’autore Diego Cugia durante un’intervista alle Invasioni Barbariche su La7 e da allora l’elenco dei dettagli aveva iniziato a srotolarsi. Prodotto da Bibi Ballandi, che ha in pratica l’appalto delle prime serate su Raiuno, lo spettacolo avrebbe dovuto essere coprodotto da Claudia Mori, moglie di Celentano. In sostanza, si sarebbe ripresentata su Raiuno una parte - Cugia compreso - della squadra di Rockpolitik, il programma che nel 2005 divenne non solo campione di ascolti ma anche un vero e proprio caso politico (e pure aziendale). La direzione artistica sarebbe spettata allo stesso Teocoli.
Però c’era un però.
Questo assetto creava qualche perplessità al vertice di Raiuno e ha quindi innescato un supplemento di trattativa, trasformatasi rapidamente in una partita a scacchi tra le due parti. Già per Celentano, il direttore Del Noce si era autosospeso perché privo del controllo editoriale su quello che il Molleggiato avrebbe fatto in tv. E la querelle tra i due non si è placata neppure dopo la sigla finale di Rockpolitik. Forse per questo, quasi a ciel sereno, Del Noce venerdì ha annunciato en passant che «il programma non si farà e non l’ho cancellato io: è stato Teocoli a cambiare idea e a porre condizioni che cambiavano completamente la natura del rapporto». Attraverso il suo ufficio stampa, il comico ha rivelato di non aver ricevuto alcuna comunicazione ufficiale e di ritenersi quindi ancora vincolato dal contratto. Oltretutto, da quanto si apprende, negli ultimi giorni la signora Mori si era defilata dalla prospettiva di coprodurre lo spettacolo, immaginando le possibili ripercussioni della sua presenza. E contemporaneamente Teocoli avrebbe rinunciato alla direzione artistica, eliminando così l’attrito con la rete. Però la mannaia è calata ugualmente. Forse Del Noce, dicono i collaboratori dello showman, non è stato informato degli ultimi sviluppi. Oppure «c’è dell’altro». La prossima settimana, probabilmente dopo la fine dei suoi recital a teatro qui a Milano, Teocoli parlerà ufficialmente e «farà i passi che i suoi legali gli indicheranno».