Teppismo e violenza sul treno

Per concludere in bellezza la nottata trascorsa in una discoteca di Sestri Levante, quattro giovani balordi del Tigullio hanno seminato il panico sul treno delle 5.30 per Genova, scaricando gli estintori nelle ultime carrozze e ricoprendo di polvere bianca alcuni coetanei che si erano rifugiati in una toelette.
Gli agenti della Polfer ne hanno identificati due dopo un mese di indagini e li hanno denunciati per furto, danneggiamento aggravato, interruzione di pubblico servizio, lesioni personali e violenza privata. Uno dei due, minorenne, è stato messo agli arresti domiciliari dal gip.
Un pendolare, che aveva tentato di opporsi ai ragazzi scatenati ed era stato investito da un getto dell'estintore, è rimasto intossicato dalla polvere ed è dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso, dove è stato giudicato guaribile in cinque giorni.
I danni quantificati da Trenitalia ammontano a circa tremila euro. Due carrozze sono state messe temporaneamente fuori servizio con conseguente disagio per i pendolari.
La serata brava è stata quella del ponte dell'Immacolata, tra il 7 e l'8 dicembre scorso. Una trentina di ragazzi, reduci dalla discoteca, erano appena saliti sul primo treno del mattino per rientrare a Genova e nei centri della Riviera di Levante.
Con loro i tre o quattro balordi che, tra Chiavari e Rapallo, hanno preso gli estintori in dotazione alle vetture e li hanno scaricati contro i coetanei ricoprendoli di polvere. Mentre la maggior parte dei ragazzi si rifugiava in altre carrozze, un paio ha cercato di difendersi chiudendosi in una toelette, ma sono stati raggiunti e «asfissiati» nel piccolo locale. Anche un adulto, che cercava di far smettere la bravata, è stato «innaffiato» con la finissima polvere antincendio accusando problemi respiratori.
Alla stazione di Rapallo i teppisti sono scesi e si sono allontanati non senza scambiarsi il classico gesto del «cinque», mentre il capotreno era costretto a chiudere le ultime due carrozze divenute inservibili. Proprio dalle riprese delle telecamere della stazione sono partite le indagini degli agenti della Polfer, diretti dal vicequestore Salvatore Genova.
I poliziotti hanno rintracciato alcune delle vittime della bravata, si sono conquistata la loro fiducia ed hanno identificato il minorenne ed il maggiorenne.
Per prevenire altri episodi di teppismo, la Polfer ha intensificato i servizi di controllo in concomitanza con il pendolarismo scolastico e nei fine settimana per l'apertura delle discoteche, attuando così le direttive del Dipartimento della Polizia di Stato di dare ulteriore impulso alla polizia di prossimità.
Il punto è bloccare eventuali manifestazioni di teppismo come quella di dicembre, identificare i giovani più violenti e cercare quindi di prevenire atti come quello accaduto sul treno del Tigullio. Anche perché è certo che simili gesti vengono portati a termine soltanto perché chi li compie ritiene in qualche modo di poterla fare franca. Se invece i responsabili vengono puniti,l’esempio può servire agli altri.