«Terapia choc urgente per uscire dallo stallo»

«I placebo non ci interessano: bisogna fare scelte i cui effetti vanno calcolati a giorni o al massimo a mesi: va bene agevolare la domanda, ma quando un settore è cosi in crisi va agevolata l'impresa». Un messaggio chiaro e forte al governo firmato Claudio De Albertis, presidente di Assimpredil Ance. Che aggiunge: «Il comparto dell'edilizia è quasi morto. O si studia una terapia choc per uscire dal coma, tesa a migliorare il comparto nel suo complesso, e si dà il via a una politica industriale in cui anche le imprese dovranno fare la loro parte, o alla fine del 2014 non sarà un settore di morti viventi, ma di morti e basta».