Terme, coltello e forchetta In vacanza tra gusto e relax

Il concetto di remise en forme, che negli anni ha acquistato sempre più importanza, diventando una sorta di «filosofia di vita», si sposa alla perfezione con quello della buona cucina perché ritrovare il benessere psico-fisico passa anche dal gusto. Gli ingredienti usati, freschi e naturali sono il segreto di piatti gustosi ma leggeri, che reinterpretano il meglio della tradizione gastronomica, educando al piacere del mangiare sano.
In Franciacorta, all'Albereta Relais&Châteaux (www.albereta.it), a disposizione degli ospiti ci sono percorsi all'insegna del benessere e dell'alta cucina, grazie al Ristorante Gualtiero Marchesi e alla Wellness & Medical SPA Espace Vitalité Henri Chenot. Il programma di cura ha come elemento fondamentale la dieta che trova espressione in piatti che seducono la vista e deliziano il palato, preparati con maestria dal team di cucina di Marchesi secondo i criteri dietologici e le ricette messe a punto da Chenot.
Nella città eterna, il Rome Cavalieri (www.romecavalieri.it), 2.500 mq di benessere, più un parco privato di 6 ettari, è l'oasi di pace più esclusiva e rinomata d'Europa. Il suo ristorante La Pergola è il regno incontrastato dello chef di fama mondiale Heinz Beck (2 stelle Michelin). Qui si può assaporare l'eccellenza dell'arte culinaria e dell'ospitalità a tavola per l'appagamento di tutti i sensi.
In Alta Badia, a San Cassiano, 1535 metri di altitudine, l'Hotel & Spa Rosa Alpina (www.rosalpina.it) è perfetto per un soggiorno all'insegna della forma fisica e del relax. Presso la Daniela Steiner Spa vige la filosofia unica di «care suite». Fiore all'occhiello è il ristorante St. Hubertus insignito di due stelle Michelin, guidato dallo chef Norbert Niederkofler. Solo nove tavoli più il «tavolo dello chef» in una saletta privata con una finestra verso la cucina e un tavolo più appartato vicino al camino aperto.
In Toscana, invece, la beauty farm Terme di Saturnia Spa & Golf Resort (www.termedisaturnia.it) offre programmi personalizzati, che bilanciano attività fisica e relax, trattamenti estetici e cure termali. Due i ristoranti tra cui scegliere: l'Aqualuce, affacciato sulla piscina termale, con cucina mediterranea e l'Acquacotta, (1 stella Michelin), che propone piatti della migliore tradizione locale, con accostamenti insoliti e raffinati, ispirati alla «Filosofia del Benessere», ideati dagli Chef Alessandro Bocci e Gianfranco Calidonna.
Nella stessa regione, immerso nella campagna nei pressi di Cortona, Il Relais & Châteaux Il Falconiere & Spa (www.ilfalconiere.it), tipica dimora toscana della metà del Seicento, offre la possibilità di vivere un'esperienza indimenticabile ritrovando la tradizione di piaceri antichi e raffinati. Suggestivo il ristorante, curato personalmente da Silvia Baracchi, una stella Michelin. La Thesan Etruscan Spa, una vera e propria bomboniera, con trattamenti a base di vino, completa l'offerta benessere. Atmosfera glamour e un po' retrò si respira al Pellicano, Relais & Châteaux (www.pellicanohotel.com/it) sull'Argentario, nato a metà degli anni '60 come rifugio d'amore della coppia Michael e Patricia Graham. Qui oltre al Pelliclub Health & Beauty, dove farsi coccolare, ci sono le creazioni sorprendenti dello Chef Antonio Guida, premiate dalla guida Michelin con due stelle.
Nelle Langhe, invece, in una cornice di 32 ettari di vigneti, colline, borghi e castelli medievali c'è Il Boscareto Resort & SPA (www.ilboscaretoresort.it). La proposta gastronomica del suo ristorante, La Rei, guidato dallo chef Marco Forneris, 1 stella Michelin, si basa sulla qualità delle materie prime e il rispetto per la tradizione locale. La Sovrana Spa è l'area dedicata al relax e alla cura del corpo divisa su due piani.
Infine, nel cuore dell'isola di Ischia, a Casamicciola Terme, il Relais & Châteaux Terme Manzi Hotel & Spa (www.termemanzihotel.com) è il posto giusto per intraprendere un viaggio speciale tra terme, relax e ottima cucina. Il benessere è garantito dalla sua meravigliosa spa, nata intorno ad una sorgente termale. Il suo prestigio fa a gara con la gloria della cucina: due stelle Michelin al ristorante Il Mosaico, condotto da un artista dei sapori, lo chef Nino Di Costanzo.