Termopili per teenager

In 300 viene raccontata la battaglia delle Termopili, durante la quale il re Leonida e 300 valorosi spartani riuscirono, sacrificando la vita, a ritardare l’avanzata di Serse e dell’esercito persiano. Grazie al loro eroismo, le città greche trovarano il coraggio per unirsi e respingere l’invasore. La pellicola prescinde, in un certo senso, dalla ricostruzione storica per soffermarsi sulla ferrea volontà e sullo spirito di sacrificio che ha accomunato, nella morte e nella gloria, trecento guerrieri. La graphic novel di Frank Miller, da cui è tratto il film, influisce con le sue atmosfere cupe. Se qualcuno si era inorridito per il film di Gibson, qui dovrebbe scandalizzarsi perché di violenza spettacolarizzata è permeata buona parte della pellicola. Il risultato è un film fumettistico ma che piace, soprattutto ai più giovani.
Accantonata in un cassetto la sua famosa parlantina che gli aveva dato successo negli anni Ottanta, Eddie Murphy ha riscoperto un nuovo modo di fare comicità, più visivo e fisico. Un filone riproposto anche nel nuovo Norbit, pellicola nella quale il comico si destreggia tra diversi personaggi cui presta corpo e volto. Così, lo vediamo sia nei panni del dimesso, esile e timido Norbit, sia in quelli della dispotica e grassa moglie Rasputia, di cui Norbit è la frustrata vittima. Non solo: Eddie si cala nei panni anche di Mr Wong, il direttore dell’orfanotrofio dove Norbit è cresciuto. Insomma, paghi uno e prendi tre. Peccato che le risate non si moltiplichino in proporzione. Anzi, pur con qualche divertente trovata, prevale, se non la noia, almeno l’apatia verso una pellicola senza sussulti.
I film più visti a Roma dal 19 al 25 marzo sono 1) 300; 2) Ho voglia di te; 3) Il 7 e l’8; 4) Norbit; 5) Saturno contro; 6) Lezioni di volo; 7) Ghost Rider; 8) Perché te lo dice mamma; 9) Bordertown; 10) In memoria di me.