Il terremoto fa danni agli edifici artistici in Emilia Romagna

Passato il grande spavento del terremoto che l’altroieri alle 15.53 ha fatto tremare tutto il nord Italia, preso atto che non ci sono danni particolari alle case ed alle persone, il giorno dopo il sisma, soprattutto nelle province emiliane e quelle di Massa-Carrara, La Spezia e Genova le più vicine all’epicentro, è stato dedicato soprattutto alle verifiche sul patrimonio artistico. Palazzi, chiese, dimore storiche sono beni più fragili degli altri e sono quelli che hanno riportato le principali ferite dopo il sisma. I danni maggiori alla Reggia di Colorno, nel Parmense. Da lunedì saranno rimosse le statue e gli elementi di decoro che da più di tre secoli ornano la Reggia.