Territori del Sud sul sentiero di guerra

I presidenti delle Regioni del Sud sono sul piede di guerra. Ieri il governatore calabrese Agazio Loiero (Pd) si è detto «deluso, perché non ho visto nell’ultima bozza del ministro Calderoli quei cambiamenti sui quali si era pur detto favorevole». Il nodo da sciogliere è quello della «fiscalità di vantaggio», chiesta dal siciliano Raffaele Lombardo (Mpa), altrimenti «il federalismo fiscale rischia di essere troppo egoista». Ancora più furioso il presidente della Puglia, Nichi Vendola, che parla apertamente di «attentato alla patria» dietro il disegno leghista di un sistema scolastico e fiscale frammentato e a più velocità». In realtà la bozza Calderoli prevede «un fondo perequativo», finanziato dalle Regioni più ricche, la cui gestione verrà affidata alla «Conferenza permanente per il coordinamento della finanza pubblica».