Terry Callier al Blue Note No’hma apre per Falzone

Franco Fayenz

Nell’Auditorium Don Bosco di Bollate, dopo i successi ottenuti la scorsa settimana da Enrico Pieranunzi e da George Cables, continua un’attività particolarmente intensa nella quale il protagonista è ancora il pianoforte. Questa sera alle 21 suona in trio Michele Di Toro in un programma «dal ragtime alla contemporaneità»; domani arriva per la prima volta in Italia Edward Simon con Ben Street al contrabbasso e Adam Cruz alla batteria.
Il club Blue Note riapre domani alle 21 e alle 23.30 con la voce folk-soul di Terry Callier che si trattiene anche la sera seguente; venerdì e sabato, con lo stesso orario, è di scena il compositore e chitarrista Nicola Conte con il suo gruppo e la sua musica ispirata alla canzone afro-americana e alla bossa nova degli anni Sesssanta. Durante il concerto di venerdì 31 si inaugura la mostra di William Claxton, uno dei migliori fotografi internazionali del jazz.
Molto nutrito è il cartellone della Salumeria della Musica (via Pasinetti 2, ore 22). Domani sera canta Rosalia de Souza, mercoledì 29 c’è la big band di Paolo Tomelleri, il 30 suona il quintetto New Experience del sassofonista Michael Rosen; venerdì 31 riappare dopo lunga assenza il pianista italoamericano Mike Melillo in trio con Massimo Moriconi al contrabbasso e Giampaolo Ascolese alla batteria.
Da non perdere, infine, domani alle 21 presso lo Spazio No’hma di via Orcagna 2, la prima esecuzione de Il suono della voce del trombettista e compositore Giovanni Falzone, nell’àmbito del ciclo «Forme Meno Note»: vi partecipano un quintetto di estrazione jazzy e due voci liriche. Appuntamento fuori porta a Pavia, nella chiesa di S. Maria Gualtieri, dove si conclude infine il «Jazz per Due» con Daniele D’Agaro sassofoni e Alexander von Schlippenbach pianoforte.