Terza puntata «Monnezza» e donne: pronto un nuovo attacco al governo

Se la puntata sulla ’ndrangheta ha scatenato una valanga di polemiche, quella di lunedì prossimo, la terza dell’era Fazio-Saviano, promette di essere altrettanto incendiaria. Dopo aver dato il diritto di replica al ministro Roberto Maroni sulla questione mafia e Lega, il tema che - come cuore della serata - lo scrittore dovrebbe trattare è un altro di quelli che gli stanno molto a cuore: la spazzatura, i rifiuti di Napoli lasciati per la strada. E, partendo dalla «monnezza» si può andare di nuovo dritti dentro il problema delle mafie e risalire ancora una volta al Nord perché lo smaltimento dei rifiuti è uno di quei campi in cui la criminalità organizzata ha trovato un altro gigantesco business. E, poi, da qui a mettere sotto processo la gestione di Bertolaso, capo della Protezione civile, e del governo Berlusconi dell’emergenza a Napoli il passo è breve. Comunque, in questo male italiano, l’elenco dei politici coinvolti è così lungo che Saviano, volendo, potrà far arrabbiare tutti, da sinistra a destra.
Ma a «Vieni via con me» non si dimenticano degli elenchi, il must del programma, la filosofia che impernia la televisione di Fazio. Questa volta le liste dovrebbero avere come tema i diritti violati delle donne, lette da rappresentanti note del mondo femminile. Un elenco destinato a essere molto lungo. Non sembra troveranno spazio, invece, le associazioni e i movimenti che si battono contro il diritto all’eutanasia che vorrebbero ribattere all’intervento della scorsa settimana di Beppino Englaro, padre di Eluana.