Terzo Valico, Calvini applaude il premier

Giovanni Calvini non usa giri di parole: «Non avevo mai sentito una delle massime cariche dello Stato parlare così chiaramente in favore del Terzo valico, mai avevo sentito dichiararlo strategico per il Paese e l’Europa». Il presidente di Confindustria Genova parla di «dichiarazione epocale», ma subito non si nasconde che la forte presa di posizione di Silvio Berlusconi per il futuro della Liguria rappresenti «un’occasione da sfruttare e una grande responsabilità per tutti coloro che devono dimostrarsi meritevoli di certe parole».
Calvini applaude dunque apertamente alle parole del premier e subito le rilancia a istituzioni e operatori che ora non hanno più scusanti. «Dobbiamo fare in fretta a risolvere tutti i nodi in gioco - insiste - Penso alla definitiva collocazione delle Riparazioni navali, con la sesta vasca che può finalmente consentire un lavoro anche migliore di quello attuale. Penso ai problemi del porto commerciale con la gara per il lavoro quasi risolta ma con il problema delle manovre ferroviarie ancora in alto mare, con la necessità di puntare a incentivare sul ferro e sulle tecnologie per non farci cogliere impreparati dal terzo Valico. Penso alla consegna della Costa da parte di Fincantieri e alla necessità di tutelare il nostro cantiere che ha preso decisioni importanti per uscire dalla crisi, ma ha bisogno di continuità». L’invito alle istituzioni e agli operatori locali, insomma, è quello di iniziare a discutere di «problemi veri».