TERZO VALICO

Caro dottor Lussana, leggo con piacere quanto sovente pubblica sul «Terzo Valico», che sarebbe la ferrovia direttissima da Genova alla Valpadana.
Mi rivolgo a Lei perché ha ricordato che il progetto ha più di cento anni.
Difatti fu nel 1905 che il senatore Erasmo Piaggio donò allo Stato italiano i progetti esecutivi della «camionale» (non avevano ancora inventato la parola autostrada per il trasporto su gomma e del «terzo valico» per il trasporto su rotaia. Progetti che aveva fatto redigere a sue spese perché sosteneva che Genova aveva nel valico dei Giovi, con la unica strada statale e le due linee ferroviarie, un collo di bottiglia.
Mi lasci ricordare il papà di Erasmo che possedeva un leudo vinaccero, l’Ester I, e nell’800 mandò il figlio a studiare a Berlino. Questi, tornato ingegnere, iniziò a comprare (aziende fallite) dai tribunali fallimentari e a dirigerle come si deve. Il senatore Erasmo lasciò in eredità ai figli cinque compagnie di navigazione, quattro cantieri navali, sedici zuccherifici, la Mira Lanza e altro.
Il figlio ingegner Rocco donò a Genova, la fontana a De Ferrari e la vasca che è il più grande pezzo unico di metallo forgiato esistente al Mondo.