Tesoretto, via libera dalla Camera

Il decreto sull'extragettito supera l’esame della Camera. L’ok definitivo di Montecitorio è arrivato
oggi, dopo il voto di fiducia della scorsa settimana. Quasi scontato che anche a palazzo
Madama il governo decida di blindare il decreto per mantenere l’impegno di dare il via libero
definitivo al provvedimento entro la pausa estiva

Roma - Il decreto tesoretto supera l’esame della Camera. L’ok definitivo di Montecitorio è arrivato oggi, dopo il voto di fiducia della scorsa settimana. Quasi scontato che anche a palazzo Madama il governo decida di blindare il decreto per mantenere l’impegno di dare il via libero definitivo al provvedimento entro la pausa estiva. Novecento milioni nel 2007 per dare una boccata d’ossigeno ai pensionati con gli assegni più bassi, l’estensione del taglio del cuneo fiscale a banche, assicurazioni e holding finanziarie, ma anche micro misure a favore dei settori più disparati: sono molte le novità introdotte dal decreto tesoretto. Per quanto riguarda, invece, i conti, gli oneri del provvedimento sono pari a circa 4,1 miliardi per il 2007 e 1,5 miliardi per il 2008. Cifre che escludono le misure relative al cuneo fiscale, ai rimborsi Iva, agli studi di settore, nonchè i fondi per l’edilizia universitaria e quello per il credito ai giovani.

Pensioni basse, riscatto laurea e contributi Stanziati 900 milioni di euro per il 2007 e 1.5 miliardi nel 2008. Per le pensioni basse quest’anno l’aumento arriverà in un’unica soluzione a novembre o con la tredicesima e oscillerà tra i 262 e i 392 euro. Gli aumenti nel 2008 varieranno tra i 336 e i 504 euro e la platea dei beneficiari sarà di oltre 3 milioni di pensionati. Le novità pensate per i giovani precari partiranno dal 2008 e hanno un costo di 267 milioni di euro. IVA

Auto Cambia la normativa sulle auto aziendali: ok ai rimborsi per chi ha pagato il balzello dichiarato illegittimo.

Estensione a banche e assicurazioni del cuneo L’estensione a banche e assicurazioni del taglio del cuneo fiscale vale 936 milioni di euro in tre anni. Sconto anche per le holding industriali. La copertura è in parte assicurata dalla limitazione della deducibilità degli interessi passivi. Per le holding gli effetti, per il Tesoro, saranno di «pochi milioni di euro».

Studi settore Recepita l’intesa tra il viceministro Visco e le categorie per ammorbidirli.

Sblocco agevolazioni imprese Sbloccate le risorse della legge 488. Per il 2007 dovrebbero liberarsi circa 2,3 miliardi, una cifra simile sarebbe messa a disposizione per il 2008.

Enti locali I Comuni "virtuosi", quelli che rispettano il Patto di stabilità, potranno utilizzare una quota pari a 300 milioni degli avanzi di amministrazione, mentre le Province ne hanno a disposizione 70.

Sicurezza Stanziati in totale 100 milioni di euro, di cui 20 per i Vigili del fuoco.

Missioni Sono in tutto 26,8 i milioni di euro per rifinanziare le numerose missioni umanitarie che vedono impegnate le forze armate italiane nel mondo.

Ferrovie, poste, Anas, Enav Più 250 milioni di euro nel 2007 per il fondo per i trasferimenti correnti per le imprese pubbliche, di cui oltre 166 milioni destinati ai contratti stipulati con Fs e 41 mln a Poste italiane. Ok anche a un contributo di 700 milioni di euro per la realizzazione di investimenti relativi alla rete tradizionale dell’infrastruttura ferroviaria nazionale e a un contributo ad Anas Spa di oltre 426 milioni per ripianare la perdita di esercizio del 2006. Sempre per quanto riguarda Anas è stato elevato il limite dei pagamenti per spese di investimento, fissandolo a 4.200 milioni.

Tfr Ok a anticipazioni di tesoreria nella misura del 30% delle somme relative ad autorizzazioni di spesa previste dalla finanziaria alimentare con le risorse del fondo.

Ministeri Sblocco per il 2007 delle risorse accantonate e rese indisponibili con il comma 507 della finanziaria per un ammontare complessivo di quasi 2 miliardi di euro, corrispondente al 43% delle risorse originariamente accantonate.