Testaccio, nuovo mercato entro il 2009

Per dicembre 2009 Testaccio avrà un mercato nuovo di zecca. E non solo. Avrà anche un centro commerciale, una residenza per studenti. E un sito archeologico. Il complesso immobiliare sorgerà sull’area a ridosso di via Galvani, circa 10mila metri quadrati, uno dei pochi lotti vuoti rimasti nel centro di Roma, che ospitava il vecchio campo della Roma, poi trasformato in parcheggio. Una volta terminati i rilievi archeologici, a maggio è stato inaugurato il cantiere, ed è stato possibile fissare la data di consegna del nuovo mercato: «Aprirà i battenti entro il Natale del 2009», conferma Cesare Pambianchi, presidente della Confcommercio di Roma e del Lazio.
«Intanto il 15 ottobre il quartiere Trionfale tornerà in possesso del mercato di via Andrea Doria. Roma ritrova così due mercati storici, spazi e risorse importanti per una città che si rinnova e per il suo sistema distributivo». L’opera - circa 18 mila metri cubi - è stata assegnata in project financing alla Pmt, Progetto mercato Testaccio, del gruppo Fincap, mentre i lavori sono stati affidati alla Cpt, Consorzio progetto Testaccio. Il costo di costruzione è di circa 17,5 milioni di euro. Alla società concessionaria, la Pmt appunto, spetta la gestione sia dell’opera pubblica, che di quelle accessorie. E i relativi introiti: il canone per l’occupazione di suolo pubblico per i banchi del mercato - che non andrà quindi all’amministrazione comunale - e gli affitti per il centro commerciale e il residence. Gli scavi archeologi iniziati nel marzo del 2005, che hanno portato alla luce numerosi reperti - alcuni trafugati nel dicembre 2007 da un magazzino - hanno richiesto modifiche al progetto originario che prevede adesso anche un apposito spazio per i reperti, ospitato al secondo piano interrato. Gestito dalla soprintendenza, il sito archeologico sarà aperto al pubblico per visite guidate. Il piano sottostante ospiterà un parcheggio con 250 posti auto. Al piano terra «traslocherà» lo storico mercato di piazza Testaccio, per una capienza di 108 banchi. Sullo stesso livello il progetto prevede anche un centro commerciale di medie dimensioni (2.600 metri quadri) con 23 negozi - di abbigliamento, ottica, telefonia e una farmacia - 1.000 metri quadri sono riservati a Bricocenter del gruppo Leroy Marlin. Il secondo piano ospiterà gli uffici gestionali del mercato e della sovrintendenza e un residence con 36 stanze doppie destinato a studenti.