Una testimone racconta: «Sì, davanti alla Pascoli c’erano alcuni black bloc»

Un’ulteriore conferma della presenza dei famigerati black bloc nelle scuole Diaz e Pascoli si è avuta ieri mattina nel corso dell’udienza a carico dei 29 poliziotti, accusati a vario titolo di lesioni, ai danni dei no global, arresto illegale degli stessi , calunnia e falso, reati che sarebbero stati commessi durante il blitz nei due istituti (G8, sera del 21 luglio). La teste Francesca Clementoni di Radio Gap, ha detto, tra l’altro, d’aver visto verso le 14 di venerdì 20 sei o sette giovani con il volto coperto da passamontagna mentre, davanti alla Pascoli, chiedevano ad alcuni ragazzi del «gruppo di contatto» se potevano entrare. Su domanda dei difensori Di Bugno e Romanelli ha risposto di non ricordare i nomi di quest’ultimi.