TESTTEST

TESTTEST

Firenze. Il coordinatore nazionale del Pdl, Denis Verdini, è
iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Firenze per il
reato di concorso in corruzione, nell'ambito dell'inchiesta sugli
appalti per i grandi eventi. Lo ha reso noto ieri in tarda serata lo
stesso Verdini in una nota.Il coordinatore del Pdl è stato sentito
ieri sera dai sostituti procuratori Giuseppina Mione e Giulio
Monferini, titolari (insieme al pm Luca Turco) dell'inchiesta che ha
portato a 4 arresti e 28 indagati, tra i quali anche il
sottosegretario alla Protezione Civile, Guido Bertolaso. Verdini,
ieri, è arrivato negli uffici della Procura verso le 18.15, ed è
uscito intorno alle 20.15.«Dopo aver letto che il mio nome compariva
per fatti marginali nell'inchiesta condotta dalla Procura di Firenze
in merito agli appalti per le opere emergenziali affidate alla
gestione della Protezione civile - ha spiegato poi Verdini - e dopo
aver saputo dai giornali che il mio telefono era stato intercettato
indirettamente, per una serie di colloqui con gli indagati, uno dei
quali, Riccardo Fusi, è un mio carissimo amico da molti anni, ho
chiesto al mio avvocato di verificare i fatti presso la magistratura.
In questo modo ho appreso di essere stato iscritto nel registro degli
indagati per il reato di corruzione». (segue)
(Pab/Ct/Adnkronos)
16-FEB-10 12:38
NNN