Tettamanzi: ragazzi, piano col sesso

Invita i giovani alla saggezza il cardinale.
Saggezza anche nel sesso, dice, rivolgendosi agli oltre cinquemila
adolescenti che hanno preso parte alla giornata della Gioventù

Invita i giovani alla saggezza il cardinale Dionigi Tettamanzi. Saggezza anche nel sesso. Rivolgendosi agli oltre cinquemila adolescenti che hanno preso parte alla 33esima giornata della Gioventù, l’arcivescovo, ha affrontato il tema della sessualità. «La dimensione affettiva e sessuale della vostra esistenza - spiega - corre il rischio, oggi più che mai, di essere interpretata e vissuta in modo errato e ingiusto: impostata cioè sull’istintività, sul “fanno tutti cosi”, sulla scusa che “tanto non faccio male a nessuno”, sul criterio che “più esperienze si fanno e più si matura”».

Ma non è questa, secondo il cardinale Tettamanzi, l’impostazione corretta. «L’impostazione giusta - spiega - è quella di saper pensare, discernere distinguendo il bene dal male, rispettare profondamente la dignità e la libertà dell’altro, avere un cuore ricco di amore autentico, vivere con limpidità e coerenza tutto ciò che si riferisce alla sessualità e all’amore». Partendo dalla parabola della casa costruita facilmente sulla sabbia e di quella, più solida, costruita con impegno sulla roccia, l’arcivescovo di Milano spiega ai giovani che «c’è da costruire sulla roccia per diventare uomini e donne capaci di amare davvero».