Tettamanzi sfida le polemiche Una giornata tra le roulotte di Triboniano e via Barzaghi

Qualcuno di sicuro griderà alla provocazione: il cardinale Dionigi Tettamanzi questa mattina farà visita al campo rom di via Triboniano (sì proprio i nomadi che hanno vinto il ricorso contro il Comune e ora avranno diritto alla casa popolare). Ma lui, l’arcivescovo di Milano va dritto per la sua strada, «tracciata da Gesù».
E siccome il cammino pastorale di quest’anno, indicato da San Carlo, coinvolge la diocesi in «gesti straordinari di carità rivolti soprattutto ai bambini in difficoltà» ecco che Tettamanzi stamattina alle 11.30 visiterà le roulotte del campo, saluterà i bambini e si fermerà a pregare con loro in preparazione al Natale. Nell’agenda del cardinale è previsto dapprima un incontro con il comitato del quartiere Triboniano (nella sede club Lago dei Tigli) e poi l’incontro con i rom al campo di via Barzaghi. La giornata dell’arcivescovo inizia però alle 10 con una visita all’Icam di via Macedonio Melloni. È l’istituto di custodia attenuata per le detenute madri con figli piccoli, aperto dalla Provincia nel 2007 e che oggi ospita dieci madri con i loro figlioletti al di sotto dei 3 anni. È il primo istituto in Italia «pensato per offrire un percorso alternativo alla detenzione, nato con l’intento di risparmiare ai figli delle detenute un’esperienza negativa come quella carceraria» ha spiegato l’assessore alle Politiche sociali della Provincia Massimo Pagani.
L’attenzione ai bambini sarà il filo conduttore anche dell’omelia della messa di Natale che Tettamanzi celebrerà in Duomo a mezzanotte. Il giorno di Natale, dopo la messa in Duomo, alle 12.30 l’arcivescovo visiterà la clinica Mangiagalli per incontrare i neonati e le loro mamme.