La Tfa ricorre all’arbitrato

Bond argentini

Per i risparmiatori italiani si apre la strada dell’arbitrato internazionale per ottenere il rimborso dei bond argentini in default. La Tfa, la Task force Argentina, associazione per la tutela degli investitori italiani coinvolti nel crac, ha deciso infatti di ricorrere a questa forma di tutela giuridica per soddisfare le richieste dei 250mila risparmiatori in Italia che non hanno aderito all’Ops promossa dal governo di Buenos Aires per rinegoziare il debito. Il trattato costitutivo dell’Icsid è stato ratificato da 150 Stati, tra cui Italia e Argentina, obbligandoli al rispetto delle decisioni prese dall’organismo. Secondo Stock la strada dell’arbitrato internazionale dà più garanzie rispetto a quella del ricorso al tribunale ordinario americano che alcuni difensori dei risparmiatori avevano ipotizzato. Tuttavia, ha ammesso, non si può ragionevolmente sperare di ottenere una decisione da parte degli arbitri «prima di un anno».