Tg dei ragazzi La sfida in Giappone

Dall’hinterland milanese alla ribalta mondiale, dall’Italia al Giappone. Con tanto di complimenti del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Protagonisti, i 27 studenti di quattordici anni della scuola media inferiore Sabin di Segrate, vincitori delle selezioni europee di «video news» per ragazzi, il cui lavoro sarà presentato domani da due compagni all’Expo di Aichi per la finale internazionale. È un successo amaro, questo, per la classe sperimentale di informatica, che alla fine dell’anno prossimo dovrà chiudere i battenti per carenza di organico. Come dice la preside Pervinca Paccini, «va a morire una fucina dell’innovazione». Il lavoro premiato è un video di tre minuti sul tema della comunicazione tra giovani e adulti, in cui gli studenti hanno dimostrato assoluta padronanza degli strumenti della multimedialità, e che sarà sottoposto al giudizio di una giuria mondiale. Comunque vada sarà un successo. «È stato già un gran risultato arrivare fin qui», spiega la direttrice. «Probabilmente il video è piaciuto per la sua freschezza, e perché lancia un messaggio positivo: la certezza che tra adulti e ragazzi ci può essere un dialogo, e che i malintesi possono essere superati».
Orgoglio e amarezza. Così in alto, la classe sperimentale, non ci era mai arrivata. E con ogni probabilità non ci arriverà più. Non per demeriti, ma per un inesorabile conto alla rovescia. Ancora un anno scolastico, e quella classe sarà un ricordo. L’ultimo trionfo di un’idea di laboratorio. O, come dice la preside, «il nostro canto del cigno».\