Il Tg4 post-Fede? Un notiziario in stile all news

Impazzano i totodirettori sui giornali a proposito del successore di Emilio Fede sulla tolda di comando del Tg4. Nomi a raffica, e chi ipotizza il domino di spostamenti più complicato tra carta stampata e telegiornali è il più fantasioso. Ma vien da chiedersi: il Tg4 ha ancora senso senza Emilio Fede? Nell’èra dei canali all news e delle notizie sui telefonini, ha ancora motivo d’essere una testata giornalistica editorialmente (e politicamente) connotata? Forse è più al passo con i tempi un notiziario completo e veloce. E Mediaset ha già in casa TgCom24 di Mario Giordano.
Crozza-Maramaldo Le copertine di Maurizio Crozza a Ballarò non risparmiano nessuno. Martedì c’erano Passera, Rutelli e Maroni e il tema era L’Italia paralizzata. «Ministro Passera - ha detto Crozza - ha visto, è tutto bloccato. Lei com’è arrivato a Ballarò? In elicottero? Dubito in taxi... Tutti hanno un elettorato da accontentare, Passera. Lei chi accontenta, i correntisti di Banca Intesa? Tutti ce l’hanno, anche Rutelli. Fa già ridere il solo fatto che esista l’elettorato di Rutelli. Anche Maroni questa settimana ha parlato con il suo elettorato. Anzi no. Non l’hanno fatto parlare...». Bersani non c’era, c’era la sua foto mentre scrive un discorso davanti a una birra.
Alcatraz come negli Usa Mentre in America vengono chiusi i siti di download illegali, Mediaset Premium sta promuovendo il nuovo pacchetto di serial capeggiato da Alcatraz firmato da J.J. Abrams, in onda da stasera sul canale Crime. La puntata-pilota di quello che è stato presentato come il nuovo Lost sarà visibile sul canale Anteprima di Premium (come avverrà anche per Smash di Spielberg su Mya). E le puntate saranno praticamente in contemporanea con gli Usa. Un modo per rendere superfluo lo scaricamento dai siti pirata. Intanto la promozione corre anche su Twitter con l’hashtag #AlcatrazITA.
Le pagelle della Simo (Miranda) Intervistata da Sette, Simona Ventura ha svelato che tra i vari modi in cui la chiamano preferisce «la Simo», ma che nell’ambiente la chiamano Miranda, la protagonista di Il diavolo veste Prada (l’inflessibile Anna Wintour direttrice di Vogue America interpretata da Meryl Streep). Soprannome meritato se si leggono i giudizi che dà sulle sue ex-aziende: in Rai ci sono 54 dirigenti, «ne bastano 9» (né 8 né 10). Elogi invece per Sky, che sembra la prima Telemontecarlo «o Mediaset dove ho lavorato dal 1994 al 2001. Ora Mediaset... lasciamo perdere» (numero dirigenti giusti?).
Annunziata chi l’ha vista? Che fine ha fatto la striscia serale di Lucia Annunziata su Raitre? Non doveva tornare dopo le feste?
twitter@MCaverzan