TgCom24 punta il pubblico maschile over 35

Investitori pubblicitari soddisfatti dopo la presentazione di «TgCom24», la rete all news di Mediaset tenuta giovedì scorso da Mario Giordano nel nuovo studio di Milano 2 che permetterà di valorizzare le sinergie tra tv, web, smartphone e tablet. Il gruppo di Cologno arriva dopo Skytg24 e Rainews24 e dunque la scommessa è offrire un prodotto più completo e scintillante. Partenza alle 13,30 del 28 novembre, 130 giornalisti, 5 corrispondenti (da Londra, Bruxelles, New York, Gerusalemme e Pechino), tre edizioni giornaliere di mezz'ora, sei superconduttori (si vocifera di Annalisa Spiezie e Ilaria Cavo) con turni di tre ore ciascuno che daranno e toglieranno la linea ai mezzibusti. Niente infotainment, solo hard news con ambizione di completezza. Obiettivo, il pubblico maschile medio alto, istruito, over 35: strano ma vero, il più trascurato dall’offerta tv attuale.
Forrest Bossi e il record di Crozza È già una caricatura vincente il Forrest Bossi deluso del Maurizio Crozza di Italialand: «Jenny, vuoi diventare segretario della Lega a Varese», chiede alla ragazza mulatta che attende l’autobus . «Ti sembro il tipo adatto?», lo smonta lei. «No, sempre quel colore lì... Ma non si può fare niente? Michael Jackson ci era quasi riuscito... Dove vai Jenny, sei l’unica che mi capisce. Nella Lega non mi ascolta più nessuno, c’è il vuoto. A volte parlo con Calderoli... Meglio il vuoto». Venerdì nuovo record per La7 con l’11,21%.
Un angolo di reality dentro «X Factor» Ancora qualche momento magico nella seconda serata di selezioni di X Factor su SkyUno: l’esibizione della ragazzina 17enne che ha cantato Listen di Beyoncé e il gospel del romeno adottato da madre israeliana e padre italiano. Purtroppo il talent si snatura con la storia delle due sorelle sarde che, iscrittesi separatamente, hanno superato la selezione riconciliandosi e cantando in duo. Già pronte per il Gieffe.
Gori e Dall'Orto nel Wiki Pd di Renzi C’erano anche Giorgio Gori, presidente di Magnolia, e Antonio Campo Dall’Orto, direttore generale di Telecom Italia Media in prima fila alla convention di Leopolda, la corrente dei rottamatori di Matteo Renzi, il sindaco di Firenze che si è candidato per le primarie del Pd sfidando Pier Luigi Bersani. Vogliono rottamare la vecchia tv?
Grasso vuol togliere i politici dai talk Si rischia di passare per qualunquisti, ha premesso Aldo Grasso prima di proporre di «togliere i politici dai talk show. In questo frangente vanno in tv solo per mettersi in vista e mai per prendersi una responsabilità». Per quanto conta, sottoscrivo.