Thailandia: fino a sabato chiusi tutti gli aeroporti

Bangkok dalla
scorsa notte è inaccessibile dall’aria da quando i manifestanti
antigovernativi hanno bloccato anche il secondo scalo della città. Non si potrà raggiungere la capitale almeno fino a sabato pomeriggio

Bangkok - Smentita la voce, diffusasi in mattinata, di un imminenete colpo di stato. Il governo thailandese aveva chiesto ai soldati di restare nelle caserme mentre si intensificano le voci di un golpe militare. L’appello è stato lanciato alla radio nazionale da un portavoce dell’esecutivo. "Tutto il personale militare deve continuare a svolgere il suo lavoro come sempre, non prendete alcuna iniziativa e non mettetevi in stato d’allerta, in modo da mettere a tacere le voci di golpe", ha spiegato Nattawut Saikuar. Il portavoce ha smentito che il governo intenda cacciare il capo dell’esercito, Anupong Paochina, dopo il suo appello all’esecutivo perchè si dimetta e convochi elezioni anticipate.

Chiusi tutti gli aeroporti 
L’aeroporto internazionale Suvarnabhumi di Bangkok, bloccato dai manifestanti antigovernativi, resterà chiuso almeno fino a sabato alle 18:00 locali (le 12 italiane). Lo indica l’autorità aeroportuale thailandese. La capitale thailandese Bangkok dalla scorsa notte è inaccessibile dall’aria da quando i manifestanti antigovernativi, che da due giorni bloccano l’ aeroporto internazionale Suvarnabhumi, hanno provocato la chiusura anche del secondo scalo della città, quello di Don Muang, adibito al traffico aereo interno. Già in serata i manifestanti del Pad (Alleanza popolare per la Democrazia) avevano circondato i terminal del Don Muang, in uno dei quali, dismesso, il governo del contestato premier Somchai Wongsawat aveva trasferito provvisoriamente i suoi uffici per sfuggire alla pressione della piazza di Bangkok. Scopo dei manifestanti era di impedire la partenza di ministri verso Chiang Mai, nel nord del Paese, dove si è per il momento già trasferito il premier. Poi l’autorità aeroportuale thailandse (Aot) ha deciso la chiusura dello scalo: «Ho autorizzato il direttore generale del Don Muang di chiudere l’ aeroporto a partire dalla mezzanotte (le 17:00 di ieri in Italia). È chiuso a tempo indeterminato fino al ritorno alla normalità», ha dichiarato il presidente dell’Aot, Saererat Prasutanond.