Ticket e debito sanitario: a sinistra idee poco chiare

Reintroduzione del ticket, risparmio sanitario: «Marrazzo e Battaglia farebbero bene a venire in Consiglio con le idee chiare e studi appropriati - dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale di An, Bruno Prestagiovanni -. In materia di sanità assistiamo di continuo a lacerazioni che, come del debito sanitario, non hanno finora prodotto alcun risultato, quella della cabina di regia, almeno fino a oggi, è solo una realtà virtuale». «Quella che fino a ieri pensavamo fosse una spaccatura propria della sola maggioranza regionale, registriamo invece con grande preoccupazione essere un problema della stessa giunta» aggiunge il capogruppo regionale Udc Rodolfo Gigli. «La diatriba in atto all'interno della giunta - continua - con diversità di opinioni e posizioni contrastanti sulle future scelte è grave perché comporta il rischio di una completa paralisi. Tra il reinserire il ticket sui farmaci o piuttosto applicare dei prezzi di riferimento, poi, ritengo che quest’ultima sia la via più praticabile. Esentando le fasce più deboli bisognerebbe alzare notevolmente il prezzo del ticket per le altre categorie, il che è improponibile».