«Ticket, i milanesi non devono pagare un euro»

«Siamo tartassati da Prodi, la Moratti non si accodi»

«D’accordo sul ticket? Ma quale ticket? La prima versione, l’ultima, la penultima. Io personalmente non ci capisco più niente. E credo che niente ci capiscano soprattutto i cittadini».
Matteo Salvini, lei fa il capogruppo della Lega a Palazzo Marino, se non capisce lei cosa vuole fare il suo sindaco chi deve capirlo?.
«La comunicazione dell’intera faccenda è stata pessima».
Cerchiamo di orientarci.
«Prendiamo l’ultima versione?».
Prendiamola.
«Allora la Lega dice assolutamente no».
Questo almeno è chiaro.
«Se a un solo milanese sarà chiesto un solo euro, i voti della Lega non li avranno. A noi avevano raccontato di una tariffa unica per chi entra in città e non per chi ci abita».
Lei allora vuole esentare i residenti, come nella prima versione Moratti.
«Chi vive a Milano vive avvolto nello smog e nel traffico di 800mila auto che ogni giorno calano in città. Ci mancherebbe che dovesse anche pagare».
Ma il ticket dovrebbe proprio servire a far diminuire Pm10 e congestione nelle strade.
«Se ne può parlare, ma usciamo da quei gironi infernali in cui si distingue tra diesel e benzina, con o senza filtro, euro 2, 3, 4. Una babele in cui nessuno capisce niente e s’arrabbia perché gli tocca pagare».
La ricetta della Lega?
«Intanto restringiamo l’area. Si paga solo nella zona più centrale, lì dove uno se vuole lasciare l’auto trova un posteggio e la metropolitana che lo porta a destinazione».
Poi?
«Mi sembrano assurde tante esenzioni».
Quindi?
«Si paga poco, ma si paga tutti. Chi vuole entrare versa una cifra modesta, indipendentemente dal fatto che abbia un Pandino o la Mercedes superlusso».
Anche se inquinano in modo diverso?
«È ora di finirla che a pagare siano sempre i poveracci».
Così l’incasso diminuirà.
«Se il ticket serve per la salute siamo d’accordo, se è un altro modo per far cassa allora alla Moratti diciamo che basta Prodi».
Prodi che c’entra?
«Ha già aumentato tasse, bollo, benzina. E poi tutti quei soldi finiscono in Puglia, in Sicilia o a Reggio Calabria. Ci pensa già il governo di centrosinistra a tartassarci. Non mi sembra proprio il caso che la Moratti si accodi».
Torniamo a Roma ladrona?
«I milanesi hanno bisogno di più mezzi pubblici, strade, metropolitane».
È per questo che mettono il ticket.
«Basta tasse. Se servono i soldi la Moratti vada da Prodi e batta i pugni sul tavolo. I milanesi pagano già abbastanza senza bisogno del ticket».
Per riassumere?
«Il ticket della Moratti la Lega non lo vota».