«Ticket inutile se sarà l’unica misura antismog»

Maria Sorbi

«Non sarà applicato domani né sarà l’unica misura antismog». L’assessore all’Ambiente della Regione, Marco Pagnoncelli, abbassa i toni sul ticket ambientale pensato dal Comune di Milano per combattere l’inquinamento. E smorza la preoccupazione espressa dai milanesi che, in un sondaggio promosso da Il Giornale, temono di vedersi appioppare una «nuova tassa mascherata». Se dall’indagine emergono pareri contrastanti e un’informazione confusa sull’argomento, con sette milanesi su dieci che bocciano il nuovo pedaggio, da parte delle istituzioni c’è una precisa volontà di non creare allarmismi. «Il ticket non è una misura né immediata né tempestiva. Il giorno in cui sarà applicato - spiega Pagnoncelli -, è ancora molto lontano. E sarà più per ragioni legate alla lotta contro l’inquinamento che per altro. Non venga pensato come una tassa mascherata, né come un’iniziativa fine a se stessa».
Comune e Regione infatti stanno pensando, oltre al ticket antismog, ad altre misure contro il Pm10 e le polveri sottili. «Il ticket - aggiunge l’assessore lombardo - è una strada percorribile solo se l’iniziativa viene affiancata da altre misure. Da sola perderebbe di significato». I lavori tra l’assessorato all’Ambiente di Comune e Regione stanno proseguendo e solo a fine settimana si saprà qualcosa di più sul pedaggio. Nel frattempo in Regione Lombardia si lavora anche alla stesura della nuova legge sull'ambiente che potrebbe essere discussa dal Consiglio regionale già entro la fine di novembre. Si tratta delle nuove misure da mettere in campo a livello regionale per tentare di ridurre il traffico, rispettare le soglie tollerabili di smog e rinnovare il parco di veicoli in circolazione. Per quanto riguarda invece le concentrazioni di polveri sottili nell’aria, è stata sospesa ogni decisione relativa ad eventuali blocchi del traffico. «Tutto - puntualizza l’assessore Pagnoncelli - è stato rinviato a dopo la fine del tavolo sul ticket ambientale. Ora siamo concentrati su quello. Stiamo comunque monitorando la situazione climatica ma per ora, dall’oggi al domani, non prevediamo di mettere in campo nessuna misura. Poi vedremo. L’attenzione rimane alta ogni giorno».