Ticket, in via San Vittore «acceso» il primo varco

Pollution charge, partiti i test: a ottobre in funzione 43 telecamere

Prove tecniche di ticket. Ovvero come riuscire a far pagare un biglietto agli automobilisti diretti in centro. Via san Vittore, angolo viale di Porta Vercellina: ecco il primo varco in funzione. Uno dei quarantatrè (costo complessivo 10 milioni di euro) che fra due mesi esatti fotograferà le targhe e le spedirà al cervellone centrale per stabilire l’importo da versare. Si, perché nessuno lo vuol dire per paura di «bucarla», ma la data fissata è il 15 ottobre. In arrivo anche i cantieri per ridurre la sede stradale e creare corsie per incanalare le auto e renderle più facilmente bersaglio degli occhi elettronici.
È un agosto di lavoro intenso per il quartier generale dell’operazione pollution charge di piazza Beccaria. Nella super tecnologica centrale operativa della polizia municipale, si continuano a testare gli strumenti per arrivare preparati all’appuntamento. Al lavoro anche Aem e Atm le municipalizzate coinvolte nel progetto. Sempre in contatto l’assessore Edoardo Croci e oggi, a controllare che tutto proceda per il meglio, arriverà anche il sindaco Letizia Moratti. Troverà i tecnici soddisfatti dopo che la telecamera di via san Vittore ha dimostrato di essere affidabile. Perfette le immagini, nitida la qualità anche di quelle che riprendono le targhe delle sguscianti motociclette. Beccate l’altro giorno, racconta chi ha partecipato alle «esercitazioni», anche quando ne sono passate tre insieme. Ora gli esperti sono alla ricerca del «punto luce» più giusto per far funzionare al meglio gli obiettivi sia di giorno che di notte. Già testata anche la connessione al software collegato al ministero dei Trasporti con il database delle targhe e la catalogazione delle diverse classi. Da cui dipende il livello di inquinamento e, quindi, la cifra da pagare. «Pagato», «deve pagare», «abbonato» si leggerà accanto a ogni serie di numeri sputati dal cervellone (il Motore 2). Da ricordare che si pagherà sia per entrare che per circolare all’interno della Cerchia dei Bastioni. Anche chi è già all’interno, quindi, dovrà mettersi in regola. Pagando su Internet con un click sul portale del Comune, chiamando il call center o acquistando le carte prepagate con un singolo passaggio o quelle multiple. In vendita nei circuiti Atm point, gli stessi dei «gratta e sosta», forse presto anche in tabaccheria. Possibile saldare in anticipo (anche di alcuni giorni) o entro le successive ventiquattr’ore. Per i trasgressori multe da 70 euro. Buone notizie per i residenti che, su preciso ordine della Moratti, si vedranno recapitare gli abbonamenti scontati direttamente a casa.