«Ticket ma senza fretta, o sarà un boomerang»

Avanti adagio. Lo aveva detto fra le righe il sindaco Letizia Moratti: «Non ho mai annunciato una data». Sul ticket d’ingresso indietro non si torna, ma «bisogna partire quando ci sono meno disagi per i cittadini». L’ipotesi però che la pollution charge scatti già da metà ottobre traballa. Anche il commissario cittadino di Fi, Luigi Casero, ribadisce che «poiché si tratta di un test, una partenza affrettata rischia di trasformarlo in un boomerang. E dobbiamo lavorare affinché i milanesi, che già ad esempio devono sopportare più costi per la casa rispetto ad altre città, debbano avere delle agevolazioni». E ieri Penati ha chiesto (via lettera) a Formigoni di creare «un’authority regionale che decida le tariffe del trasporto pubblico».